Home Chiesa e Diocesi Felice Notte! Il messaggio e gli auguri del vescovo Orazio Francesco per...

Felice Notte! Il messaggio e gli auguri del vescovo Orazio Francesco per Natale

1040
0

Felice Notte per quanti sapranno affidarsi al Natale riscoprendone il valore della semplicità che racchiude l’evento e ci ricorda la semplicità della venuta quotidiana del Figlio di Dio. Felice Notte per quanti sapranno superare l’evento – oggi conteso tra mondanità e superficialità – per ritrovare nella nascita del Dio fatto uomo il vero centro, la sola risposta.
Sono questi e ancora altri i molteplici contenuti del messaggio del Vescovo Orazio Francesco Piazza alla diocesi di Sessa Aurunca e alla diocesi di Alife-Caiazzo alla vigilia di questo Natale.

“Felice Notte – scrive il nostro Pastore – per quanti cercheranno di
confrontarsi, alla luce di questo sguardo di umanità, con sé stessi e con gli altri, con le proprie e altrui speranze”: è l’invito e l’auspicio di Mons. Piazza a fare del Natale (che viene ogni giorno) un’esperienza cristiana di legami, di sogni che si incrociano, di progetti di bene da condividere in famiglia, al lavoro, nelle comunità parrocchiali, nei contesti delle relazioni quotidiane.
Saper guardare oltre le parole che il Vescovo ci affida per scoprire su quale impegno, concreto e non di concetto, siamo interpellati.
Di seguito il testo integrale a firma di Mons. Piazza (per il pdf clicca qui).

La semplicità del Natale di Gesù come senso umano della vita
Felice è la Notte in cui l’uomo compare chiaro a sé stesso, perché riscopre l’autenticità del proprio cuore. (Goethe). Non trovo migliore occasione della ricorrenza del Natale di Gesù Signore, per considerare, nel segno della verifica e della fiducia, il senso di un evento che può riconsegnare sguardo autentico al cuore e donare semplicità alla vita. Il Natale è sempre più carico di tensioni consumistiche alienanti che portano a svilire la parte più autentica dell’uomo, il cuore. Quale progetto di umanità potrebbe emergere da un contesto in cui si privilegia l’esasperazione della felicità che perde il senso dell’umano? Il paradosso è che la semplicità di tale evento, nella sua più immediata percezione, quella di un bimbo che nasce, è trasformata, in questa confusione diffusa, in contesa di punti di vista; usata come possibile forma di discriminazione, non più rivelazione, per ognuno, di un amore che attende di essere accolto e condiviso.

Senza lo sguardo del cuore anche la bellezza e il dono di quella nascita sono resi opachi da contorte e strumentali ragioni. È necessario, al contrario, riconsegnarsi alla semplicità dello sguardo del cuore e riconoscere la verità di questa nascita e, senza pregiudizi, rintracciare il senso profondo della vita: l’essere per noi di Dio, senza preferenzialità.

Il Natale di Gesù si offre ancora come ripensamento e progetto alternativo alle forme di chiusura e di distanza dall’umano. Chiede di sapersi affidare, di riconoscere di aver bisogno dell’Altro, come un bambino. Questa nascita consegna la capacità, umile e sapiente, di sentirsi sempre aperti e disposti all’incontro; di riconquistare l’ambito vitale in cui ogni esperienza trova origine e maturazione: la reciprocità delle buone relazioni. È invito a saper guardare con il cuore, semplicemente, e “sentire” il Natale di Gesù come intima esperienza spirituale: dimensione essenziale in cui si ritrova il senso e il valore dell’umano, tra interiorità e realtà quotidiana. È nuova opportunità per ritornare a sé e riscoprirsi nella propria, semplice umanità!

Senza questa immersione i progetti diventano facilmente illusioni e le attese, delusioni.  Nella intimità del cuore possiamo dire: Felice Notte per quanti cercheranno di confrontarsi, alla luce di questo sguardo di umanità, con sé stessi e con gli altri, con le proprie e altrui speranze. Felice Notte perché si possa capire che la fede, come affidamento, è continua sorpresa, è stupore che «sgorga eternamente dalla tua anima anche se le mani spaccano la pietra o tendono il telaio».

Felice Notte per intuire che la fede non può essere separata dai suoi atti e il suo credo dal cammino di ogni giorno. «La vita quotidiana è il vostro tempio. Ogni volta che vi entrate, portate voi stessi. Prendete l’aratro e la fucina e il martello e il liuto, le cose forgiate nel bisogno o nel diletto, poiché se meditate non potrete elevarvi sopra la vostra gloria, né cadere più in basso delle vostre sconfitte. E prendete con voi tutti gli uomini. E se volete conoscere Dio, non siate solvitori di enigmi, piuttosto guardatevi intorno, e lo vedrete giocare con i vostri bambini. E guardate lo spazio; lo vedrete camminare sulla nube, tendere le braccia nel bagliore del lampo e scendere con la pioggia. Lo vedrete sorridere nei fiori, e sulle cime degli alberi sciogliere carezze». (Gibran, Il Profeta).

Il Natale di Gesù è esperienza per riscoprire la semplicità nel vivere e riguadagnare la speranza di essere a misura d’uomo, sentendosi vivi in un contesto in cui più che vivere noi, vivono i nostri problemi, talvolta falsi problemi; è ancor più chiamata ad essere accoglienti nell’ascolto, nella condivisione, nel rispetto, nella compassione. Perciò, Felice Notte a tutti per tornare semplicemente a casa. Felice Notte nella Speranza: alba luminosa di umanità.

Buon Natale a tutti voi, nella Speranza che nasce nel cuore.

+ Orazio Francesco

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.