Home Chiesa e Diocesi 54ª Giornata Comunicazioni Sociali. Papa Francesco: “Non esistono storie umane piccole”

54ª Giornata Comunicazioni Sociali. Papa Francesco: “Non esistono storie umane piccole”

“Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2). La vita si fa storia, il titolo del messaggio di Papa Francesco per la 54esima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali

351
0

 

La storia di Cristo non è un patrimonio del passato, è la nostra storia, sempre attuale. Essa ci mostra che Dio ha preso a cuore l’uomo, la nostra carne, la nostra storia, fino a farsi uomo, carne e storia. Ci dice pure che non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”. Lo si legge nel Messaggio di Papa Francesco per la 54ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali che quest’anno si celebra, in molti Paesi, domenica 24 maggio, Solennità dell’Ascensione del Signore. Nel documento, dal titolo “‘Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria’ (Es 10,2). La vita si fa storia”, si ricorda che “nella storia di ogni uomo il Padre rivede la storia del suo Figlio sceso in terra. Ogni storia umana ha una dignità insopprimibile. Perciò l’umanità merita racconti che siano alla sua altezza, a quell’altezza vertiginosa e affascinante alla quale Gesù l’ha elevata”.

Scarica il Messaggio completo di Papa Francesco

Per il Santo Padre, “in ogni grande racconto entra in gioco il nostro racconto”: “Mentre leggiamo la Scrittura, le storie dei santi, e anche quei testi che hanno saputo leggere l’anima dell’uomo e portarne alla luce la bellezza, lo Spirito Santo è libero di scrivere nel nostro cuore, rinnovando in noi la memoria di quello che siamo agli occhi di Dio. Quando facciamo memoria dell’amore che ci ha creati e salvati, quando immettiamo amore nelle nostre storie quotidiane, quando tessiamo di misericordia le trame dei nostri giorni, allora voltiamo pagina. Non rimaniamo più annodati ai rimpianti e alle tristezze, legati a una memoria malata che ci imprigiona il cuore ma, aprendoci agli altri, ci apriamo alla visione stessa del Narratore. Raccontare a Dio la nostra storia non è mai inutile: anche se la cronaca degli eventi rimane invariata, cambiano il senso e la prospettiva”.

Fonte Agensir

54ª Giornata mondiale comunicazioni sociali. Ruffini: “Le storie non buone sono le storie raccontate male”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.