Home Territorio Piedimonte, Antonio Ferrante torna in giunta

Piedimonte, Antonio Ferrante torna in giunta

883
0

Decreto del sindaco Vincenzo Cappello: delega ai lavori pubblici

Ufficializzato il decreto di nomina: l’esecutivo comunale viene reintegrato nel suo assetto originario, con sette assessori anziché sei. Singolare vicenda quella che ha portato Antonio Ferrante a far parte, nuovamente, della giunta: la delega affidatagli dal sindaco è la stessa che Ferrante si era visto attribuire dopo la vittoria elettorale del 2007 e che aveva mantenuto fino all’agosto del 2010, quando il sindaco azzerò l’intera giunta e formò un nuovo esecutivo. Ferrante lasciò la giunta assieme a Giuseppe Riselli, assessore all’ambiente, non più reintegrato. E così, la delega che lo stesso sindaco ha tenuto ad interim per un anno e  mezzo è tornata a Ferrante. Quanto e cosa potrà esserci di programmatico in poco più di tre mesi? Le elezioni, infatti, per il rinnovo del consiglio comunale di Piedimonte Matese si terranno la prossima primavera: «C’è da portare a termine – chiarisce però Ferrante – il lungo elenco di opere pubbliche avviate quando ancora ricoprivo la carica di assessore.Penso al rifacimento delle strade, alla sistemazione di alcuni edifici scolastici, alla definizione delle procedure per permettere la riapertura del cantiere del parcheggio interrato in piazza de Benedictis». Tutto chiarito (pardon, verificato), quindi, con il sindaco Cappello? Dalle parole del neo assessore sembrerebbe di sì: «In attesa di questa verifica – aggiunge – ho continuato a seguire, seppure esternamente, le aperture dei cantieri in città. Adesso mi occuperò in prima persona del completamento delle opere avviate». Un eloquente anticipio della «distensione» tra Cappello e Ferrante si era avuto, del resto, poche settimane fa, in occasione della inaugurazione dello stadio comunale, dopo i lavori di ammodernamento funzionale: l’impianto sportivo, infatti, è stato intitolato a Pasqualino Ferrante, compianto assessore comunale di democristiana memoria, presidente dell’Ags Piedimonte negli anni Ottanta e, manco a dirlo, padre del «ritrovato» assessore ai lavori pubblici, Antonio. Il quale, a proposito di una sua ricandidatura al consiglio comunale, si limita a dire: «Devo ancora decidere se continuare o meno nella tradizione. Vedremo».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.