Home Territorio Commerciante scomparso, continuano le ricerche

Commerciante scomparso, continuano le ricerche

488
0

Secondo i carabinieri potrebbe esserci qualche improvvisa difficoltà economica ad aver motivato la fuga

Nessuno sviluppo significativo, al momento, in merito alla scomparsa di Salvatore Pece, il commerciante trentaquattrenne di Alife del quale non si hanno più notizie da giovedì. L’uomo, dopo aver regolarmente aperto la sua pescheria di Venafro, che aveva rilevato dal mese di gennaio, l’ha inspiegabilmente chiusa intorno alle 11  di giovedì scorso, lasciando accanto al registratore di cassa un biglietto firmato, nel quale annunciava la sua volontà di farla finita. Le ricerche da parte dei carabinieri e delle forze dell’ordine continuano senza sosta: alla base della scomparsa potrebbero esserci delle improvvise complicazioni economiche in cui Pece si sarebbe imbattuto negli ultimi tempi, forse proprio dopo aver aperto la nuova attività commerciale di Venafro: le entrate potrebbero essere state nettamente inferiori alle previsioni e questo avrebbe impensierito oltre modo il commerciante.

Ma si tratta soltanto di mere ipotesi al vaglio degli inquirenti, ovviamente tutte da verificare. Nelle ultime ore i carabineri della Compagnia di Venafro, che indagano sulla vicenda, hanno ascoltato familiari, amici, i dipendenti delle pescherie di cui Pece è titolare, alla ricerca di qualche elemento in più su cui concentrare l’attività investigativa. Non si esclude che, nelle prossime ore, si possa far ricorso ad attività tecniche. Intanto cresce l’apprensione dei familiari, ai quali si è stretta, nelle ultime ore, tutta la comunità di Alife. Dell’uomo nessuna notizia, solo il ritrovamento del furgone, ieri mattina, nei pressi della stazione di Vairano, lascerebbe pensare ad una fuga, piuttosto che alla volontà di dar seguito a quanto Pece avrebbe scritto sul biglietto lasciato all’interno della pescheria di Venafro. Un treno preso proprio alla stazione di Vairano potrebbe averlo portato verso sud, forse nel Sannio. Ma al momento i carabinieri mantengono il più stretto riserbo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.