Home Curiosità L'Iran delle condanne a morte

L'Iran delle condanne a morte

827
0

Numeri crescenti alla vigilia delle nuove elezioni parlamentari

Nel 2011 in Iran almeno 676 persone sono state messe a morte, il numero più alto dagli anni ’90 ad oggi. Ed è aumentato drasticamente il numero di esecuzioni in pubblico: 65, un dato di oltre tre volte superiore alla media degli ultimi anni. E’ quanto emerge dal rapporto annuale sulla pena di morte della
organizzazione per i diritti umani “Iran human rights”, presentato oggi a Roma, al Senato della Repubblica. “Non ci sono dubbi – ha affermato Mahmood
Amiry-Moghaddam, portavoce internazionale di Iran Human Rights – che le autorità iraniane usino la pena di morte come strumento politico. Il drammatico
aumento nel numero delle esecuzioni dimostra che il regime iraniano, ora più che mai, lega il prolungamento della sua sopravvivenza alla capacità di
diffondere il terrore. La pena di morte in generale e le esecuzioni pubbliche in particolare sono lo strumento più importante usato dal regime iraniano per
suscitare paura all’interno della società”. L’81% delle persone messe a morte sono state accusate di narcotraffico, ma Ihr riferisce che l’80% di queste non
sono state identificate con il nome completo e i processi si sono svolti a porte chiuse. Non si può perciò escludere, secondo l’organizzazione, “l’eventualità che possano esserci, tra loro, persone che avevano partecipato a manifestazioni di protesta, dissidenti, o membri dell’opposizione”.  (…)  Nonostante l’Iran abbia ratificato la “Convenzione internazionale Onu sui diritti dell’infanzia” che vieta la pena di morte per i reati commessi sotto i 18 anni di età, secondo i dati riportati nel rapporto di Iran Human Rights sono almeno 4 i minori messi a morte nel 2011. Anche 16 donne sono state messe a morte e perfino 4 progettatori di siti web, giudicati colpevoli di diffondere la “corruzione sulla terra”. La pena di morte contro progettatori di siti web e sviluppatori di software, osserva Ihr,
“s’inserisce nel contesto della campagna del regime contro l’uso di Internet da parte dei giovani iraniani”. “L‘Iran – ha osservato Marco Curatolo, presidente di Iran Human Rights Italia – alla vigilia delle elezioni parlamentari del 2 marzo, è di nuovo, come spesso è accaduto in questi ultimi anni, la più grande prigione al mondo per blogger e giornalisti. Le restrizioni sull‘uso di Internet e dei social network e l‘annunciata chiusura al traffico web internazionale fanno pensare a un Paese che il regime vuole sempre più isolato dal mondo e sempre meno libero”. Iran human rights Italia chiede con forza che “i governi dei Paesi democratici considerino con maggiore attenzione l‘Iran non solo sotto la prospettiva della minaccia nucleare, ma anche o soprattutto sotto quella delle gravissime violazioni dei diritti umani che il popolo iraniano subisce ogni giorno. (fonte www.agensir.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.