Home Attualità Appello da Valle Agricola: "E' ora di alzare la testa"

Appello da Valle Agricola: "E' ora di alzare la testa"

523
0

Protesta fino in Prefettura. Ancora nessun servizio ai cittadini dopo il fallimento dell’Acms

A Valle Agricola si passa alla protesta. E lo si fa iniziando da un Consiglio comunale straordinario dove prenderanno parte amministratori e cittadini. Ormai da 45 giorni – denunciano dal paesino di alta quota – dopo il fallimento dell’ACMS, la ditta di trasporto provinciale, il piccolo centro è stato tagliato fuori da ogni contatto con il territorio. L’appuntamento è per domani pomeriggio  (lunedì) alle 16.30. La spinta è venuta da un comitato di genitori che da oltre un mese fa i conti con la difficoltà seria di accompagnare ogni mattina i figli che frequentano le scuole superiori, a Piedimonte Matese. Ricordiamo che all’indomani del dichiarato fallimento della ditta di trasporto pubblico, il comune ha garantito per una decina di giorni il trasporto di studenti e lavoratori, dopodichè l’intero disagio è ricaduto sulle spalle e le “tasche” dei residenti. In più di un occasione l’Amministrazione comunale di Valle ha denunciato lo stato di abbandono in cui riversa il paese del Matese, accusando la Provincia, la Regione e la Prefettura di totale assenza e sordità di fronte ai disagi che ripetutamente si presentano: il dissesto del manto stradale (unica via di accesso al paese), l’isolamento in caso di nevicate e in ultimo la spesa per far fronte al trasporto verso i centri limitrofi.
Da Valle Agricola parte un appello agli amministratori e ai cittadini dei comuni limitrofi (Letino, Gallo Matese, Capriati al Volturno, Fontegreca, Ciorlano, Prata Sannita, Pratella, Ailano) perchè la protesta diventi corale e non sia solo la voce di pochi a chiedere il rispetto di taluni diritti, bensì di molti. Quei “molti” cittadini che lavorano, studiano, s’informano, creano famiglie, hanno cura di un ambiente, oggi vanto di tutta la provincia e che come gli altri pagano le tasse.
La proposta che viene da Valle Agricola, nelle parole dell’assessore Lorenzo Pezzullo, e si rivolge ai sindaci dei paesi interessati, è quella di sollecitare la Prefettura fino al punto di deporre le fasce tricolori in segno di concreta protesta.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.