Home Territorio Droga, furto, truffa, rissa, abusivismo edilizio ed altri reati: in 18 nella...

Droga, furto, truffa, rissa, abusivismo edilizio ed altri reati: in 18 nella trappola dei Carabinieri

507
0

I militari dell’Arma hanno eseguito anche numerosi sequestri e recuperato refurtive

Nell’ambito di una vasta operazione predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, diciotto persone sono finite nei guai per reati che vanno dallo spaccio di stupefacenti al furto aggravato, dalle minacce alle percosse, dalla truffa al peculato, dall’abusivismo edilizio all’inosservanza dei provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, dalla rissa ad altri reati contro la persona ed il patrimonio. Ad agire i militari delle Stazioni di Piedimonte, Alife, Ailano, San Gregorio, Capriati e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile.
A Piedimonte Matese, nei confronti di un 18enne del posto, è scattata una misura cautelare perché indagato per il reato di spaccio di stupefacenti. Per furto aggravato denunciata una 24enne della provincia di Salerno, in quanto responsabile del furto di alcuni capi di abbigliamento asportati dall’interno di un negozio di un commerciante di Piedimonte Matese. E sempre a Piedimonte, denunciata una 45enne del luogo per aver fornito false dichiarazioni all’Autorità Giudiziaria.
Un 25enne di Gioia Sannitica, dovrà invece rispondere dei reati di percosse e minaccia, avendo aggredito e minacciato di morte un sedicenne di Faicchio, nel beneventano.
Due coniugi di Sant’Angelo d’Alife sono finiti invece nei guai per inosservanza di provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, mentre altre tre persone, due di Alife e una di Castello del Matese, si sono rese responsabili di abusivismo edilizio. I militari hanno scoperto che erano intenti alla realizzazione di tre fabbricati, per un totale di quindici appartamenti, del valore complessivo di un milione e mezzo di euro, in difformità alle concessioni edilizie e in zona sottoposta a vincolo paesaggistico. Nella circostanza è stata anche emessa una ordinanza di sospensione dei lavori e ripristino dello stato dei luoghi.
Ad Ailano, è stato denunciato un 28enne della provincia di Isernia, per violazione alla misura cautelare cui era sottoposto, che prevedeva il divieto di ritorno nella regione Campania. E ancora ad Ailano, sono finite nei guai quattro persone residenti a Valle Agricola, di età compresa tra i 25 e i 47 anni, i quali per motivi di viabilità, scatenavano una rissa durante la quale riportavano varie contusioni. Per tutti è scattata una denuncia per rissa aggravata.
A Capriati, una 49enne del luogo dovrà invece rispondere di truffa aggravata nei confronti di altre tre persone, dalle quali si faceva consegnare una somma contante pari a circa mille euro, mentre a Castello del Matese, un 40enne di Piedimonte, è finito nei guai per procurato allarme presso le competenti Autorità, avendo formulato ripetute richieste di intervento per aggressioni nei suoi confronti che di fatto non erano mai avvenute.
Infine ad Alife, un 42enne ed un 27enne, entrambi della provincia di Napoli, con numerosi precedenti per furto e ricettazione, sono stati sorpresi di notte, mentre si aggiravano con fare sospetto nei pressi di alcune abitazioni isolate. Non sapendo fornire valide giustificazioni circa la loro presenza in quei luoghi, sono stati fermati ed accompagnati in caserma dove nei loro confronti è scattata una misura di prevenzione che prevede il foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per la durata di tre anni. Ancora ad Alife, i Carabinieri sono riusciti a recuperare e restituire alla legittima proprietaria un’autovettura Fiat Palio, rubata alcuni giorni fa ad una casalinga di Liberi.

(comunicato stampa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.