Home Territorio Sfruttava la figlia per l'accattonaggio, bloccato dai Carabinieri

Sfruttava la figlia per l'accattonaggio, bloccato dai Carabinieri

451
0

Sei persone finite nei guai  a seguito dell’operazione predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese

A conclusione di una operazione predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, durante il fine settimana, sei persone sono finite nei guai per reati che vanno dallo sfruttamento di minori nell’accattonaggio ai maltrattamenti in famiglia, dagli atti persecutori alla occupazione abusiva di terreni privati, dall’attività commerciale abusiva  alle violazioni in materia di sicurezza stradale.
A Piedimonte Matese, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno posto fine ad un’altra triste vicenda che vede purtroppo ancora una volta coinvolti minori sfruttati dai propri genitori senza alcuno scrupolo. Gli uomini dell’Arma, dopo una serie di servizi di appostamento e pedinamento, hanno bloccato nei pressi della centralissima Piazza Carmine, un pregiudicato, R.S., 40enne di origine rumena, il quale impiegava la sua bambina di otto anni nelle attività di accattonaggio o nella vendita di oggetti vari. La fanciulla era costretta, invece di frequentare la scuola, come qualsiasi altra bambina della sua età, ad aggirarsi tra le auto in circolazione per le strade cittadine correndo anche un grave pericolo per la sua incolumità. Se la bambina non fosse riuscita a racimolare giornalmente una determinata somma per lei non ci sarebbero state di certo amorevoli carezze da parte del genitore. Per questo motivo il padre padrone è stato fermato ed accompagnato in caserma dove nei suoi confronti è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che già nei prossimi giorni potrebbe emettere un provvedimento cautelare nei confronti dello sfruttatore. La bambina è stata affidata alla madre, mentre la merce rinvenuta è stata sottoposta a sequestro.
Ancora a Piedimonte, i militari della locale Stazione, hanno denunciato M.G., 44enne del luogo, poichè ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia o verso i minori. L’uomo, per futili motivi, avrebbe in più circostanze aggredito e minacciato di morte la moglie, anche alla presenza dei due figli minori.
Per atti persecutori nei confronti di una donna con la quale aveva intrattenuto una relazione sentimentale, è finito invece nei guai M.I., 45enne di Piedimonte, nei confronti del quale i militari della locale Stazione hanno dato esecuzione ad un ordinanza di misura cautelare del divieto di avvicinamento a tutti i luoghi frequentati dalla vittima.
E sempre nel centro di Piedimonte Matese, altre due persone R.C., 25enne di origine rumena e S.A., 27enne di origine algerina, entrambi con numerosi precedenti di reato, sono stati denunciati per attività di  commercio ambulante abusiva. I due avevano messo in vendita capi di abbigliamento e altra merce, di dubbia provenienza, in assenza delle previste autorizzazioni amministrative. Nella circostanza sono finiti sotto sequestro sessanta capi di abbigliamento di varie marche e diversa tipologia, nonché altra merce, per un valore complessivo di svariate centinaia di euro.
Ad Alife invece, i militari della locale Stazione, hanno denunciato una donna, C.A., 48enne del posto, per il reato di invasione di terreni o edifici. La stessa aveva occupato abusivamente un terreno privato intestato ad un pensionato del luogo.
Un occhio di riguardo è stato infine dedicato anche alla sicurezza stradale, per prevenire in particolare il fenomeno delle “stragi del sabato sera”, con condotte di guida indisciplinate e pericolose, spesso causa di gravi incidenti stradali. Sono stati così istituiti numerosi posti di blocco, tra i comuni di Piedimonte, San Potito, Gioia Sannitica, Alife, Dragoni, Alvignano, Ailano, Prata, Capriati e San Gregorio, nel corso dei quali sono stati sottoposti a controllo 110 veicoli in transito e identificate 140 persone. Contestate 30 violazioni alle norme del codice della strada, ritirati sei tra documenti di circolazione e di guida, mentre quattro sono stati i veicoli sottoposti  a sequestro perché privi di copertura assicurativa. (comunicato stampa)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.