Home Territorio Alvignano. Non si ferma a un posto di blocco, viene inseguito

Alvignano. Non si ferma a un posto di blocco, viene inseguito

475
0

E’ accaduto questa mattina ad Alvignano. Inseguimento per le vie del paese

Questa mattina ha forzato un posto di blocco dei Carabinieri della Stazione di Alvignano, sul Corso Umberto I, a poche decine di metri dal Municipio. Nella circostanza ha anche tentato di investire un militare per darsi poi alla fuga alla guida di un Aprilia Scarabeo, scatta così l’inseguimento per le strade di Alvignano, che si conclude con la cattura del fuggitivo, il quale una volta bloccato tenta ancora una volta di sottrarsi al controllo dei militari. A questo punto, inevitabili le manette e l’arresto nei confronti di Pasquale Riccitelli, 30enne del luogo. Da li a poco, i Carabinieri hanno scoperto che il tentativo di fuga era dovuto al fatto che il giovane oltre a non indossare il casco protettivo, era privo di patente di guida, privo dei documenti di circolazione e senza la prevista copertura assicurativa del mezzo. Sono comunque in corso ulteriori indagini per accertare se alla base del tentativo di fuga ci fossero anche altre motivazioni.  Il veicolo ovviamente è stato sottoposto a sequestro, mentre il 30enne è stato trasferito agli arresti domiciliari con l’accusa di resistenza a Pubblico Ufficiale, in attesa di comparire nei prossimi giorni davanti ai Giudici del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere per il processo per direttissima. Nelle ultime ore tra i comuni di Piedimonte, Alife, Alvignano, Dragoni, Ailano, Prata, Capriati, San Gregorio, San Potito e Gioia Sannitica, sono stati predisposti dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, numerosi controlli nel corso dei quali sono state identificate 95 persone e sottoposti ad accertamenti 78 veicoli, su alcuni di essi sono state eseguite anche perquisizioni per la ricerca di armi, droga e refurtiva. (Comunicato stampa Carabinieri)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.