Home Attualità La Banca Capasso…cento anni dopo

La Banca Capasso…cento anni dopo

689
0

Molto apprezzati, nel weekend, i due concerti promossi in occasione del centenario.

Grande partecipazione di pubblico, sabato e domenica, in occasione dei due concerti  “Ad Elegantiam” promossi dalla Banca Capasso Antonio di Alife, in occasione dei cento anni di attività che l’istituto di credito sta celebrando con una sfilza di manifestazioni culturali di grosso spessore. La Cattedrale di Alife, dove si è svolto il concerto di sabato pomeriggio, e l’auditorium comunale di Piedimonte, sede dell’happening musicale di domenica, gremiti di persone, a dimostrazione che l’arte, la cultura, la musica sono leve importanti sulle quali anche la politica può e deve investire.
L’iniziativa della Banca Capasso Antonio, infatti, ha evidenziato quanto sia alto il desiderio di partecipazione dei cittadini ad eventi di grosso spessore culturale, dove qualità artistica e talento musicale si coniugano con l’azione incisiva di una realtà importante come la Banca Capasso, istituto creditizio che da cento anni rappresenta un punto di riferimento per l’economia locale e che ha permesso a Comuni, piccoli imprenditori, agricoltori, famiglie ,di mettere a frutto progetti di crescita socioeconomica sul territorio della valle del Medio Volturno contribuendo allo sviluppo di quest’area. I due concerti hanno visto protagonisti della scena il Quartetto Arcus con Luigi Saffioti, Ascanio Trivisano, Luigi Ciriello, Sergio Savinelli, assieme a Claudio De Siena (piano e coordinamento), Agostino Santoro (voce narrante), Alessandro de Carolis (flauti), Pasquale Ziccardi (chitarra e voce), Corrado Sfogli (chitarra).
Rapito dall’estasi musicale il pubblico che ha seguito con interesse i due appuntamenti culturali. Consegnate, inoltre, ben 57 borse di studio agli studenti meritevoli del territorio che si sono particolarmente distinti per il profitto negli studi conseguito al termine del precedente anno scolastico. Apprezzamenti per la lodevole iniziativa, che ha saputo coniugare la mission economica dell’azienda con l’arte, la cultura e lo studio, sono giunti, tra gli altri, anche dal vescovo Valentino Di Cerbo, dai sindaci di Piedimonte Matese e Alife, Vincenzo Cappello e Giuseppe Avecone. Un significativo esempio giunto da una solida realtà economica del territorio, sensibile al tema della responsabilità sociale che, a partire dall’undici novembre, proporrà, presso l’auditorium comunale di Piedimonte, un interessante ciclo di incontri sul tema del viaggio e dei viaggiatori.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.