Home Territorio Piedimonte Matese. Andrea Boggia sulla questione dei parcheggi a pagamento

Piedimonte Matese. Andrea Boggia sulla questione dei parcheggi a pagamento

783
0

A seguito di varie discussioni sulla questione del pagamento dei parcheggi sulle strisce blu, Boggia, referente di Fdi-Alleanza Nazionale di Piedimonte Matese, scrive al Sindaco

strisce blu parcheggi piedimonteLa Redazione – Scoppia il caso “parcheggi” a Piedimonte Matese. Da qualche giorno si sta alzando un polverone che vede coinvolta la Cooperativa Minerva e i suoi dipendenti, dopo che un ex socio aveva fatto dichiarazioni sulla presunta irregolarità nella quale stavano lavorando negli ultimi mesi gli addetti alla sosta. Subito la risposta del presidente della Cooperativa che dichiara lo svolgimento del lavoro nell’assoluto rispetto delle norme. Il dubbio comunque rimane ai più, tanto da suscitare polemiche anche in campo politico: Andrea Boggia, membro dell’opposizione della Giunta Comunale di Piedimonte Matese ha scritto una nota indirizzata al Sindaco Vincenzo Cappello e al Presidente della Minerva, con la quale chiede chiarezza.
«A seguito delle confuse notizie che si susseguono sulla vicenda parcheggi a pagamento, – scrive Boggia –  riteniamo opportuno che il sindaco Cappello, con responsabilità, chiarisca definitivamente la vicenda, al fine di non alimentare ulteriori legittimi dubbi su una questione che è a dir poco fumosa. Già nell’ultima assise comunale, De Rosa e Ferrucci di Forza Italia accesero l’attenzione su una situazione che non è per nulla da sottovalutare per l’eventuale gravità che ne scaturirebbe, se fossero confermate le parole dei consiglieri di opposizione e di alcuni organi di informazione. Spero vi siano valide e soprattutto legali spiegazioni nella tutela e nell’interesse di tutti, anche degli stessi lavoratori della cooperativa Minerva. Attendiamo, da cittadini che ormai troppo spesso pagano anche quando non c’è da pagare.»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.