Home Territorio Alife/Sant’Angelo d’Alife/Baia e Latina. Smascherato il falso stupro, tre giovani vittime di...

Alife/Sant’Angelo d’Alife/Baia e Latina. Smascherato il falso stupro, tre giovani vittime di una trappola

891
0

Le indagini dei Carabinieri scagionano i tre giovani matesini, accusati nel 2015 di violenza sessuale, ma in realtà vittime di una “trappola”

La Redazione | Se n’era parlato molto circa un anno fa, era l’aprile 2015: cinque uomini venivano accusati di stupro di gruppo da una 36enne di Cusano Mutri, vittima del branco e della sua violenza. I presunti colpevoli, tra cui tre giovani di Alife, Sant’Angelo d’Alife e Baia e Latina, finivano ai domiciliari, poi rilasciati per la revoca della misura cautelare.
Oggi le indagini dei Carabinieri rivelano dinamiche degli avvenimenti molto differenti, dimostrando come a volte l’attenzione nel trattare alcune notizie possa evitare giudizi affrettati e soprattutto il fango gettato sulla dignità delle persone.
All’epoca dei fatti, quando i ragazzi erano stati già etichettati come probabili responsabili della violenza, avevamo evidenziato che il caso poteva nascondere un’altra verità, diversa dalle accuse che pendevano sui giovani, e allo stesso tempo chiamavamo in causa una stampa frettolosa nei giudizi, e ci chiedevamo il perché di una nota degli stessi Carabinieri in cui si dava per scontata la loro colpevolezza.
Le indagini, si viene a sapere oggi, hanno portato alla luce un’altra versione dei fatti, la stessa propugnata dagli allora presunti colpevoli, i quali, quella notte, decisero di trascorrere una serata in maniera di certo incauta e discutibile, intrattenendosi con la donna dietro pagamento, ma senza alcun tipo di violenza: l’Arma dei Carabinieri ha raccolto infatti gravi indizi di colpevolezza a carico della 36enne che aveva denunciato i cinque, la quale è ora accusata di calunnia ed è stata raggiunta da un’ordinanza di misura cautelare dell’obbligo di dimora, emessa dal Gip del Tribunale di Benevento. Assieme a lei, lo stesso provvedimento di obbligo di dimora nel comune di residenza è arrivato per il 70enne che rientrava tra i 5 denunciati dalla donna, ora accusato di sfruttamento della prostituzione in quanto egli organizzatore dell’incontro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.