Home Territorio Castel Campagnano. Riapre il Palazzo delle Suore, sarà una casa di cura...

Castel Campagnano. Riapre il Palazzo delle Suore, sarà una casa di cura per anziani

3338
0

L’inaugurazione dell’antica struttura restaurata alla presenza del Vescovo Valentino Di Cerbo e del sindaco Giuseppe Di Sorbo

La Redazione – Giovedì, durante un tiepido pomeriggio primaverile, a Castel Campagnano si sono riaperte le porte dell’antico “Palazzo delle Suore”, come affettuosamente e nostalgicamente lo definiscono gli abitanti dell’ameno paesino.
Il palazzo, infatti, posseduto da oltre mezzo secolo dalle Suore Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato, alle quali fu donato da un nobil uomo del posto, tale Ernesto Cusani, riapre dopo un’attenta e scrupolosa opera di ristrutturazione con la nuova destinazione di casa di riposo per anziani.
La riapertura è avvenuta sotto gli occhi commossi di tanti cittadini, ma anche di numerosi partecipanti provenienti dai paesi limitrofi che hanno assistito alla cerimonia di inaugurazione apertasi con la celebrazione della Santa Messa officiata dal Nostro Vescovo, S.E. Valentino Di Cerbo, con la concelebrazione di Don Massimiliano Giannico e alla quale hanno preso parte, oltre alle autorità civili, sacerdoti vicini all’ordine delle Suore Vittime Espiatrici, la Madre Generale Carla Di Meo da Casoria, numerose sorelle, ma soprattutto colei che ormai da sessant’anni vive il Palazzo con un attaccamento e un fervore che la contraddistingue su tutto: l’amatissima Suor Lidia, ultra ottantenne, provata nel corpo da numerose malattie, ma mai nello spirito, che di quel palazzo costituisce ormai una pietra miliare assolutamente insostituibile.
Alla Solenne celebrazione Eucaristica, avvenuta nel piazzale esterno del palazzo, ha fatto seguito la benedizione e la visita dell’istituto, unitamente ad un momento di convivialità generosamente offerto dalle Suore Vittime Espiatrici.

Foto Raffaele Marcuccio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.