Home Territorio Alife. Incidenti alle rotonde, la replica di Angelo Di Costanzo, presidente della...

Alife. Incidenti alle rotonde, la replica di Angelo Di Costanzo, presidente della Provincia

710
0

Sull’incidente mortale di ieri e sulle difficoltà stradali segnalate degli automobilisti la Provincia chiarisce la sua posizione

incidente rotonde alife - clarusLa Redazione – Frecce direzionali, segnali stradali, diamantini luminosi al suolo, potenziamento dei fari luminosi: secondo il Presidente Angelo Di Costanzo la Provincia ha migliorato le percorribilità della strada in prossimità delle nuove rotonde di Alife e Piedimonte Matese garantendo maggiore sicurezza agli automobilisti.
“Abbiamo fatto ciò che è nelle nostre competenze al fine di offrire la sicurezza dell’affollata arteria che unisce la provincia al territorio matesino”. Questo, dopo l’incidente di ieri sera e la cronaca pubblicata in queste ore.
E chiama in causa, il Presidente Di Costano, il Codice della strada che non prevede l’obbligatorietà dell’illuminazione per le rotonde fuori dai centri urbani, seppur il Decreto (D. M. 19 aprile 2006) al paragrafo 6, in merito a questo argomento ne prevede l’installazione necessaria solo nei casi in cui si accerti la ricorrenza di particolari condizioni ambientali locali, invalidanti ai fini della corretta percezione degli ostacoli, come la presenza di nebbia o foschia. L’accertamento deve essere compiuto anche assumendo informazioni presso le autorità locali, responsabili del territorio. E probabilmente nell’area segnalata, ossia nelle campagne alifane il rischio di copertura della visibilità a causa della nebbia, in alcuni periodi dell’anno è quasi totale.
Senza dubbio la responsabilità di un incidente stradale può dipendere dall’eccessiva velocità del traffico, e nel caso della strada in esame, il limite imposto obbliga a non superare i 50 o i 70 kmh;rotonda alife incidente tuttavia – stando alle difficoltà ripetute segnalate dagli automobilisti – non basta “l’aver fatto” quello che è nelle competenze e forse di più da parte della Provincia se dopo alcune ore di funzionamento i fari alimentati con pannelli fotovoltaici smettono di funzionare lasciando al buio le rotonde e gli automobilisti.
Dissuasori di velocità  e migliori segnalazioni luminose: alla Provincia non mancano tecnici ed esperti per venirne a capo.
Maggiore senso di responsabilità, prudenza e civiltà da parte degli automobilisti. Non si sa mai….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.