Home Territorio La Via Francigena del Sud in Alto Casertano, progetto fermo. Intanto il...

La Via Francigena del Sud in Alto Casertano, progetto fermo. Intanto il 1 maggio ricorre l’VIII Giornata Nazionale

814
0

Un primo investimento economico ha prodotto materiale informativo e cartellonistica per il progetto Via Francigena. Si attende la nuova programmazione comunitaria per rilanciare l’iniziativa partita un anno fa

La Redazione | Circa un anno fa dedicavamo ampio spazio al progetto di recupero e valorizzazione della Via Francigena del Sud che attraversa le nostre terre (Raviscanina, Sant’Angelo d’Alife, Alife, Gioia Sannitica, Baia e Latina) attraverso una molteplicità di sentieri e tratturi percorsi nel medioevo dai pellegrini diretti in Puglia (sul Gargano) o verso la Terra Santa.
Il Gal Alto Casertano si è inserito nel programma Cammini d’Europa al fine di integrare il cammino locale in una rinnovata mappatura dei tanti sentieri che attraversano l’Italia e grazie ad un finanziamento di 100mila euro ha dato vita ad una prima progettazione di attività ed eventi: diverso il materiale informativo prodotto e un pellegrinaggio da Alife a Pietrelcina ripercorrendo gli antichi sentieri al fine di sensibilizzare sul tema. Ma non solo, tra le proposte dell’Ente locale anche la promozione dei territori: tradizioni gastronomiche e popolari, aspetti paesaggistici, patrimonio artistico e religioso, pietà popolare, accoglienza ed ospitalità.

Via Francigena del Sud in Alto Casertano
Partecipanti al pellegrinaggio da Alife a Pietrelcina, estate 2015

Purtroppo l’evento nazionale del 1 maggio, la Giornata dei Cammini Francigeni, sul territorio altocasertano non troverà alcuna corrispondenza per mancanza di fondi: dal Gal fanno sapere di essere in attesa della nuova programmazione europea e del conseguente supporto economico che ne verrà; eppure nella conferenza stampa del 4 maggio 2015 la proposta sembrava essere più concreta rispetto allo stato presente delle cose.
Dopo il pellegrinaggio di fine estate (2015) costato fatica e lavoro agli organizzatori, le attività intorno al progetto sono venute meno.
Il materiale informativo prodotto, in parte è stato distribuito, in parte è in attesa di divulgazione attraverso le scuole del territorio: in esso sono descritti itinerari turistici, ma sono anche un occasione di indirizzo per i giovani a costruire pacchetti turistici o itinerari.
Gli ultimi ritocchi alla locale via Francigena riguardano la collocazione di cartellonistica, effettuata nei giorni scorsi. Progetti ben strutturati, destinati a sopirsi, rischiano di deludere le attese di un territorio che magari strizza l’occhio a simili eccellenti iniziative e conta davvero su una promessa di riqualificazione.
Se è vero che ogni cammino arriva lontano solo se fatto in compagnia, allora perchè non farsi buoni compagni di viaggio?
Numerose associazioni locali – culturali e sportive – non mancano di iniziativa e volontà a promuovere il territorio partecipando alla “sopravvivenza” di simili progetti.  Fare rete significa anche questo, anche in assenza di fondi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.