Home Scuola Alife / Sant’Angelo d’Alife. “Accorpamento scolastico illegale” interviene la dirigente Antonietta Pellegrino

Alife / Sant’Angelo d’Alife. “Accorpamento scolastico illegale” interviene la dirigente Antonietta Pellegrino

1102
0

Il “problema” di Alife si allarga ad altre comunità. Il trasferimento delle scuole santangiolesi rischia di far perdere i numero all’Istituto Falcone di Piedimonte Matese

La Redazione – Alcuni giorni fa ci siamo occupati del possibile accorpamento delle scuole di Sant’Angelo d’Alife a quelle di Alife per salvare l’autonomia di quest’ultimo istituto. Il sindaco di Sant’Angelo, Vittorio Folco, con una delibera di giunta del 27 maggio ha manifestato la disponibilità a “trasferire” le scuole del suo comune dall’Istituto comprensivo Giovanni Falcone di Piedimonte Matese (a cui sono accorpate dall’anno scolastico 2012-2013) a quelle della nuova città intravedendo maggiori affinità culturali e sociali tra i due centri, ed evitando così che l’Istituto di Alife perda la propria autonomia e finisca accorpato ad una nuova dirigenza.
Il dimensionamento scolastico che negli ultimi anni ha portato non pochi cambiamenti di assetto all’organizzazione scolastica del territorio continua, e in questo momento genera non poche tensioni.
Ad insorgere e definire “illegale” il provvedimento di Folco è la prof.ssa Antonietta Pellegrino del Falcone, che il 30 maggio ha risposto in forma ufficiale agli intenti politici del sindaco di Sant’Angelo a favore della prossima amministrazione comunale di Alife.
L’Istituto Falcone, senza gli alunni di Sant’Angelo perderebbe i numeri e si troverebbe nella stessa situazione attuale dell’istituto alifano; non solo, la Pellegrino ha evidenziato è ormai “in fase avanzata la predisposizione di tutti gli atti amministrativi per il prossimo anno 2016/2017 ” come il trasferimento degli insegnanti e l’organizzazione dei docenti perdenti posto.
È chiaro che la soluzione di un problema ne genererà un altro.
La politica degli interventi “a favore delle comunità…” tenga presente che il microcosmo scolastico cui appartengono i figli e gli insegnanti del territorio non è una scacchiera su cui muovere a piacimento le pedine più autorevoli, ma un luogo da preservare e rispettare, consentendo a tutti la serenità di svolgere il proprio ruolo formativo ed educativo.
Il confronto, il dialogo, il “dove vogliamo andare” venga prima di ogni possibile “scacco matto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.