Home Attualità Cresce l’occupazione nel settore agricolo, ma il lavoro nei campi rimane sottopagato....

Cresce l’occupazione nel settore agricolo, ma il lavoro nei campi rimane sottopagato. Problemi nei prossimi mesi del 2016

980
0

La campagna italiana è sinonimo di produttività e qualità e supera la Francia nei risultati, ma non vi è il giusto riconoscimento per chi vi lavora

agricoltura italianaLa Redazione | L’occupazione cresce del 2,2% perché l’agricoltura italiana ha prodotto nel 2015 il valore aggiunto più elevato d’Europa grazie alla leadership conquistato nella qualità e nella sicurezza alimentare.
L’Italia è a davanti alla Francia con il suo record europeo di 32,4 miliardi di valore aggiunto che cresce in maniera tripla rispetto al settore dell’industria (1,3%) e dei servizi (+0,4%).
Coldiretti fa sapere che “il modello produttivo dell’agricoltura italiana è campione anche nella produzione di valore aggiunto per ettaro che è più del doppio della media Ue-27, il triplo del Regno Unito, il doppio di Spagna e Germania, e il 70% in più dei cugini francesi”. Motivo in più per cui essere orgogliosi di come procede la vita nelle nostre campagne e di come il mondo agricolo sia migliorato in termini di proposta, visibilità, produttività.
Primato messo però a rischio nel 2016 dal calo dei prezzi riconosciuti agli agricoltori che per molte produzioni non riesce neanche a coprire i costi a causa delle distorsioni nella filiera che sottopagano il lavoro agricolo.

Riportiamo di seguito i dati statistici forniti da Coldiretti.
Lo scorso anno la crescita della produzione agricola in volume è risultata rilevante per le coltivazioni legnose (+12,3%) mentre è più contenuta per gli allevamenti zootecnici (+0,8%) e le attività di supporto (+0,5%). Si registra, invece, un calo per le produzioni foraggere (-4,3%), le coltivazioni erbacee (-2,8%) e le attività agricole secondarie (-0,6%). A livello territoriale, la produzione in agricoltura cresce in tutte le aree ad eccezione del Nord-ovest
(-1,1%). Gli aumenti più marcati si registrano al Sud (+5,9%) e al Centro (+3,5%).
Nel 2015 gli investimenti nel settore agricolo mostrano comunque segnali di recupero (+0,6%), dopo il forte calo registrato nel 2014 (-6,1%).
Analizzando la situazione nell’Ue, l’indicatore di reddito agricolo per il 2015 scende del 3,2% rispetto all’anno precedente, a causa di una contemporanea flessione di produzione (-0,9%), prezzi (-1,5%), valore aggiunto (-1,7%), reddito dei fattori (-4,5%) e unità di lavoro  (-2,0%). Il calo riguarda, in particolare, Germania (-37,6%), Danimarca (-19,7%), Regno Unito (-19,3%), Romania (-17,8%), Polonia (-8,9%) e Paesi Bassi (-0,8%). Una crescita si registra in Grecia (+11,7%), Francia (+8,7%), Italia (+6,2%) e Spagna (+3,3%).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.