Home Chiesa e Diocesi Calvisi. Celebrata la Festa tradizionale in onore di San Liberato

Calvisi. Celebrata la Festa tradizionale in onore di San Liberato

Il tradizionale pellegrinaggio dai paesi limitrofi e la festa nella frazione di Gioia Sannitica. San Liberato anche quest'anno ha fatto il pienone

1762
0
CONDIVIDI

Come ogni anno, Calvisi è tornato ad essere il cuore devozionale della Diocesi.
Nel piccolo sobborgo di Gioia Sannitica infatti si è ripetuto uno tra gli appuntamenti più cari alla pietà popolare locale: stiamo parlando del Pellegrinaggio a piedi al Santuario di San Liberato medico e martire, in occasione della festa tradizionale della seconda domenica di maggio.

Le modalità di un rito. Come accade da alcuni secoli, nella notte tra sabato e domenica, da tutta la valle alifana si sono rimessi in cammino decine e decine di fedeli; zaino in spalla, le piccole compagnie si sono mosse una per una dai principali centri della piana alifana (Piedimonte, Alife, San Potito, Gioia Sannitica).
In questa fase si è svolto quell’ideale passaggio di consegne che permette a tale tradizione di perpetuarsi attraverso le generazioni: grandi e piccoli, giovani ed adulti, singoli ma anche in gruppo, talvolta nuclei familiari, tutti si sono mossi in un cammino composto ed orante, durato alcune ore tra campagne e colline immerse nel buio. Epilogo emozionante è l’arrivo alla Parrocchia di Santa Maria del Carmine, divenuta Santuario di San Liberato proprio 50 anni fa, il 15 marzo 1967: qui, molti partecipanti al pellegrinaggio a piedi sono giunti alle prime luci dell’alba, per rendere omaggio al Taumaturgo nordafricano, nel corso della prima delle Sante Messe della giornata.
Al termine dell’Eucaristia, i pellegrini, con discrezione e silenzio, si sono portati alla Cappella del Santo, per il bacio della reliquia e dell’urna, oltre che per la visita al salone retrostante (dove a centinaia si conservano le testimonianze del grande affetto popolare nutrito verso San Liberato) ed infine defluire lungo le viuzze del borgo, consumando una veloce colazione a sacco prima di tornare a casa. L’andirivieni delle compagnie a piedi è andato via via esaurendosi nel corso della mattinata di domenica ma di fatto il fiume di devoti non si è arrestato, anzi: nel corso del pomeriggio è stata la volta dei moderni pellegrini motorizzati che, una volta giunti a Calvisi, hanno preso parte dapprima alla solenne Concelebrazione eucaristica, presieduta nel tardo pomeriggio da Mons. Valentino Di Cerbo, Vescovo di Alife-Caiazzo ed infine alla processione, che ha portato il simulacro di San Liberato lungo le strade del borgo, salutato dal lancio dei fuochi pirotecnici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

l'informativa sulla privacy


Place your text here