Home Chiesa e Diocesi La Diocesi celebra la Madonna del Carmelo

La Diocesi celebra la Madonna del Carmelo

Una delle grandi devozioni mariane che accompagnano la vita dei cattolici di tutto il mondo: la Vergine sarebbe stata prefigurata già dal Profeta Elia nell’Antico Testamento, per poi apparire nel Medioevo, secondo una tradizione molto diffusa

1469
0
CONDIVIDI
Marcianofreddo, f.to Wikipedia

Tra le molteplici devozioni mariane che affollano il vasto panorama della Pietà popolare nel territorio compreso dalla Diocesi di Alife-Caiazzo, sicuramente un posto di spicco va assegnato al culto in onore della Vergine del Monte Carmelo, ricordata dalla Liturgia di ieri. Dalle nostre parti in particolare, tale devozione si manifesta attraverso l’uso dello scapolare, come pure attraverso pie pratiche e manifestazioni; sono ancora tanti infatti i luoghi in cui si portano avanti dei festeggiamenti esterni, come ad esempio a Lautoni di Formicola, a Marcianofreddo di Alvignano, come pure a Calvisi di Gioia Sannitica, a Totari di Alife, a PratellaPiedimonte Matese e a Treglia di Pontelatone, dove quest’anno la comunità ha potuto venerare l’icona mariana in compagnia del vescovo Valentino Di Cerbo.

Le origini. Ma da dove nasce questo titolo, con questa caratterizzazione geografica così precisa, che ci porta dritti fino in Terra Santa? Per capirlo, occorrerebbe andare a sfogliare addirittura l’Antico Primo e più precisamente il Primo Libro dei Re (18, 41-45): il Profeta Elia, dimorante sul Carmelo, ebbe la visione di una piccola nube, che dalla terra ascendeva verso il monte, portando pioggia e salvando Israele dalla siccità. Secondo la mistica cristiana, tale nube avrebbe prefigurato la Vergine Maria, che accettando di essere la Madre del Signore, donò al mondo il Messia.

Ma dopo il Profeta Elia, il Carmelo continuò ad ospitare asceti ed eremiti, che nei primi secoli dopo Cristo si radunarono nel gruppo dei “Fratelli della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo”; in seguito, Crociate e persecuzioni nei Luoghi santi fecero si che tale ordine cominciasse a diffondersi anche in Europa. Fu qui che, secondo la tradizione, la Vergine si manifestò a San Simone Stock, il 16 luglio 1251: durante tale visione, la Vergine donò all’allora Padre generale dei Carmelitani uno “scapolare”, promettendo la salvezza dall’inferno e la liberazione dei fedeli dal purgatorio nel sabato seguente alla loro morte, il tutto se avessero indossato quell’abitino con fiducia. Nacque il cosiddetto “Privilegio sabatino” che decretò la diffusione ed il radicamento definitivo tra la gente della devozione alla Madonna del Carmelo, fino ai nostri giorni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

l'informativa sulla privacy


Place your text here