Home Dalla Campania Ianua Spei, presentato il progetto salva-matrimoni alle scuderie di Ercolano

Ianua Spei, presentato il progetto salva-matrimoni alle scuderie di Ercolano

Canzoni, test e testimonianze: laici e consacrati parlano così alle coppie in crisi. Il Progetto è promosso da Casa di Rosanna d’intesa e in collaborazione con Famiglie Separate Cristiane, Associazione Famiglie Costa del Vesuvio, Oari-Avulss e la comunità Piccolo Gregge

837
0

Michele Di Matteo

«Più importante di una pastorale dei fallimenti è lo sforzo per prevenire le rotture», così Papa Francesco nell’Amoris Laetitia. Una risposta la propone Casa di Rosanna, che d’intesa e in collaborazione con Famiglie Separate Cristiane, Associazione Famiglie Costa del Vesuvio, Oari-Avulss e la comunità Piccolo Gregge, ha messo su il progetto Ianua Spei (la porta della speranza), percorso esperienziale e di riflessione per coppie in crisi. Un laboratorio, che ispirandosi ai principi cristiani, promuove un percorso di impegno concreto per sopravvivere al terremoto di quelle coppie che, avendo cuori feriti – lacerati da conflitti – chiedono accoglienza, ascolto e aiuto per leggere o forse rileggere la propria unione, alleggerirla del peso di croci nascoste, per poter rinnovare un rapporto spento e logorato da un disagio relazionale.
«Sì! La nostra mission è pari ad un ospedale da campo – ha detto in conferenza stampa Antonio Piccolo, promotore e coordinatore del progetto. L’ospedale è il luogo dove si muore, dove si sperimentano i limiti, fatto per guarire dalle malattie, per essere rilanciati nell’agone della vita». Accompagnare per discernere e reintegrare, questo è Ianua Spei. «Un ascolto specializzato e un curare le fragilità in fase di separazione, così si legge nella presentazione curata da S. E. Mons. Antonio Di Donna, vescovo di Acerra. La forza è nelle testimonianze personali e soprattutto nella terapia di gruppo, perché nel gruppo è ognuno spalla per l’altro… insieme si superano più facilmente le difficoltà».

Un programma ambizioso portato avanti da laici e consacrati «per un riconciliarsi per ricominciare, riconoscere i propri errori e correggersi – superando i propri limiti dell’io e riscoprendo le dinamiche di coppia – nel tentativo di saper riconoscere la presenza e il valore dell’altro». Così all’unisono le tre psicologhe che compongono l’equipe, Alessandra Cipriani, Anna Amabiletti e Flavia Melchiorre. Saper riconoscere la presenza dell’altro, “il valore dell’ascoltare… del tacere prima di ferire”, così nella canzone “Questo so di me”, di Nek, usata – assieme ad altre quattro canzoni (di Arisa, Mannoia, Peppino di Capri, Andrea Sannino) – dall’equipe per stimolare la riflessione delle coppie partecipanti e anteporre l’altro a se stessi, rispettarlo nella sua alterità ed esclamare con un sorriso, vera condizione favorevole, ho ancora un’ “incredibile voglia di te” (ed è questo il titolo della canzone di Peppino di Capri usata per l’occorrenza), perché come direbbe Freud «trovare l’oggetto è semplicemente ritrovarlo».
Dodici incontri, divisi in due moduli, una verifica esperienziale con l’aiuto di tre coppie-testimoni che hanno superato il baratro, e “Abbracciame” (testo di Andrea Sannino), weekend di spiritualità per comprendere che il matrimonio non è una realtà perfetta e confezionata una sola volta e per sempre, è un mistero di unione e di unità in evoluzione che ha bisogno di congruenza ed empatia. È previsto un workshop inaugurale sabato 7 ottobre presso le Scuderie di Villa Favorita, alla presenza del sociologo prof. Luigi Caramiello, docente alla facoltà Federico II di Napoli e della dott.ssa Mariella Romano, dell’Ufficio Garante per l’Infanzia della Regione Campania e mediatrice familiare. È in allestimento altresì uno spazio neutro per i figli minori delle coppie in crisi. Gli incontri avranno una cadenza quindicinale. La segreteria organizzativa risponde al numero 3277891102.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here