Home Primo Piano Matese / Slot machine. Tanto si spende a testa nel comune di...

Matese / Slot machine. Tanto si spende a testa nel comune di Dragoni

Dati allarmanti in tutto l'Alto Casertano. La recente indagine di Gedi e Visual Lab consnete di calcolare la spesa media procapite del 2016 in oltre 7mila comuni italiani

1408
0
Dragoni

Novantacinque miliardi di euro. È la cifra spesa nel 2016 dagli italiani nel gioco: gratta e vinci, lotterie, lotto, superenalotto, scommesse sportive, totocalcio, totogol, macchinette, ippica, bingo, gioco online. Ben oltre la metà di questi 95 miliardi, più di 49 miliardi, sono stati giocati su Awp e Vlt (acronimi di slot machine e video lottery). Il numero degli apparecchi attivi sul territorio è di oltre 400mila, così divisi: 354.905 slot e 54.262 vlt.
Quanto l’Italia sia invasa dalle slot machine e quale sia la spesa a testa degli italiani è oggetto delle analisi di questo lavoro d’inchiesta dei quotidiani locali Gedi e del Visual Lab in collaborazione con Dataninja. Incrociando i dati di popolazione (Istat), reddito (Mef) e raccolta gioco (Aams) è stato creato un database interrogabile in grado di mostrare dove e quanto si gioca in oltre 7mila comuni italiani.

È questa la sintesi che fa Il Tirreno Toscana (e molti altri giornali in Italia) rendendo pubblici i dati raccolti nell’inchiesta L’italia delle slot.
A guidare la classifica delle Regioni con maggiore spesa alle macchinette è la Lombardia (dove il reddito pro capite è maggiore), seguono però significativi dati e segnali che inevitabilmente coinvolgono l’intero Paese.
E l’Alto Casertano non è al di fuori dall’inchiesta e dal pericolo connesso al gioco. Attraverso un sistema di dati incrociati, Gedi infatti mette a disposizione un semplice misuratore di spesa (clicca qui per scoprire quanto si gioca nel tuo paese) per capire quanto, in ciascun comune d’Italia è stato speso mediamente dai cittadini nel 2016 alle macchinette (a monete o banconote).

Nel 2016 a Piedimonte Matese la spesa procapite calcolata dall’inchiesta è di 426€ contro i 693€ di Caiazzo. 
Esponenziale la cifra giocata invece a Dragoni, comune di 2.130 abitanti con un reddito procapite di 14.047€. Nel piccolo paese ai piedi del Monte Maggiore si sono spesi mediamente in un anno 1.704€. In questo caso c’è da chiamare in causa il fenomeno dei pendolari del gioco che proprio a Dragoni fa confluire persone dai vicinissimi comuni di  Alvignano e Baia e Latina (singolare il caso di un piccolo paese in provincia di Vercelli , Caresanablot, che ha il dato di giocata pro capite più alto in assoluto in Italia: ben 24.228 euro spesi a testa a fronte di una popolazione che conta 1.133 abitanti e che ha un reddito pro capite annuo di 23.100 euro. Caresanablot dista solo 500 metri dal confine con Vercelli ed è attraversato da una statale che collega ben tre province: Vercelli, Novara e Biella).

Ritorniamo ai dati di casa nostra: fa riflettere come nei centri minori del Matese o dell’Alto Casertano in genere si spenda di più rispetto a quelli maggiori. Sono i luoghi dove esistono meno occasioni, meno contatti e meno relazioni alternative alla solitudine (e alla precaria condizione economica) che facilmente sfocia in patologie come la dipendenza dal gioco. Sì, perchè il caso delle slot machine è ormai associato a sindrome compulsive da gioco d’azzardo.

Cifre, quelle riportate dalla recente inchiesta, a cui si aggiungono le spese ormai comuni per gratta e vinci, scommesse calcistiche e Lotto. Non c’è differenza di età: se i più giovani sono presi da slot e scommesse sportive, il fronte dell’età più adulta è quello maggiormente coinvolto da biglietti della fortuna, le vincite veloci ed immediate di 10eLotto o del Lotto più semplicemente.
Vizi e debolezze che rafforzano le casse dello Stato, ma anche una fetta di mercato nero ampiamente diffuso su scala nazionale.
Vizi e debolezze che rendono ancora più fragile un tessuto sociale immobilizzato da emergenze sociali quali la disoccupazione, la solitudine, l’assenza di servizi e assistenza a tutela di queste povertà, ben peggiori di quelle materiali, acuite ed esasperate per chi piomba irreversibilmente nel tunnel della dipendenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here