Home Chiesa e Diocesi Nasce “Velodicoio”, spazio web per i giovani italiani

Nasce “Velodicoio”, spazio web per i giovani italiani

Il Portale nasce da un progetto del Servizio Nazionale per la Pastorale giovanile della CEI e rappresenta uno spazio di confronto e conoscenza per i giovani, in vista del Sinodo dei giovani voluto da Papa Francesco

482
0

Si chiama Velodicoio il nuovo portale messo a disposizione dal Servizio Nazionale per la pastorale giovanile della CEI, la cui finalità è quella di scoprire il mondo dei giovani, le paure, i sogni e i loro modi leggere la realtà, il tutto all’interno di uno spazio di confronto aperto. In attesa del Sinodo dei giovani (ottobre 2018), per cui le diocesi sono chiamate da Papa Francesco a dare il proprio contributo, e in vista del periodo di “speciale ascolto” riservato ai giovani dalla Chiesa italiana (gennaio – agosto), ogni ragazzo, tra i 16 e i 29 anni, “può esprimersi nei tempi e con i linguaggi che preferisce, grazie alla estrema duttilità dello strumento predisposto e alla riservatezza che esso garantisce ai partecipanti”.

Comunicato stampa

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA
Ufficio Nazionale per le comunicazioni sociali

Un portale verso il Sinodo
#velodicoio: i giovani alla Chiesa

È online il portale Velodicoio un progetto messo a punto dal Servizio Nazionale per la pastorale giovanile della CEI per esplorare ambizioni, speranze e paure delle giovani generazioni e offrire loro una opportunità di espressione in vista della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, che si terrà dal 3 al 28 ottobre 2018 sul tema «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale». Non si tratta di un sondaggio, ma di uno strumento che vuole favorire un confronto di gruppo – a scuola, in università, nei gruppi parrocchiali e in quelli informali – su alcune tematiche centrali nella vita dei giovani, raccolte intorno a dieci parole chiave: ricerca, fare casa, incontri, complessità, legami, cura, gratuità, credibilità, direzione, progetti. Ogni giovane tra i 16 e i 29 anni può esprimersi nei tempi e con i linguaggi che preferisce, grazie alla estrema duttilità dello strumento predisposto e alla riservatezza che esso garantisce ai partecipanti.

La Chiesa italiana dedica a questo speciale ascolto dei giovani i mesi da gennaio a maggio, utilizzando soprattutto lo strumento del portale. A giugno le singole diocesi rifletteranno sul materiale raccolto per arrivare ad una sintesi che apra a nuove prospettive per la pastorale giovanile. Dal 3 al 10 agosto da tutte le diocesi partiranno una serie di pellegrinaggi che confluiranno, l’11 e 12 agosto, in un grande incontro con Papa Francesco a Roma.

“Siamo tutti d’accordo sulla necessità di metterci in ascolto dei giovani – spiega don Michele Falabretti, responsabile del Servizio Nazionale per la pastorale giovanile – ma, come fare? Questo portale vuole offrire a tutti la possibilità di riconoscere nell’esperienza di vita di ogni persona il punto di partenza per un confronto alla pari, dove esiste un terreno comune che non sono le opinioni, ma le dinamiche più profonde della vita”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here