Home Arte e Cultura Canzone Italiana, è nato il portale online con 200mila brani

Canzone Italiana, è nato il portale online con 200mila brani

Uno dei più ricchi database musicali d’Europa è online: l’Italia sforna il suo sito web di canzoni per salvaguardare un patrimonio sonoro inestimabile

2577
1

canzone italiana portaleÈ stato presentato ieri, in quel di Roma, il nuovo sito del MIBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), un portale che raggruppa 100 anni di musica italiana in tutti i generi. Autori come Tosca e Mogol, accompagnati dalla presenza del Ministro Dario Franceschini, sono stati i protagonisti della mattinata, in segno di riconoscenza del patrimonio artistico della Repubblica Italiana. Il nostro Paese vanta un palcoscenico musicale di livello mondiale e non a caso i più grandi artisti stranieri scelgono spesso di condividere i loro successi insieme ai protagonisti della nostra cultura sonora.

Il sito www.canzoneitaliana.it è una piattaforma, studiata in collaborazione con Spotify, divisa in sezioni riguardanti regioni, generi, anni di pubblicazione e autori, dentro la quale sono conservate 200mila canzoni italiane comodamente scaricabili. Più di 22mila brani possono essere ascoltati gratuitamente, tutti gli altri hanno una manciata di secondi di anteprima e la possibilità di essere scaricati tramite Spotify.

Il sito è suddiviso in 4 macro sezioni: sezione 1900-1950, sezione 1950-2000, tradizioni popolari e contributi extra. Le prime due macro aree, contenenti 100 anni di storia della musica, comprendono diverse categorie come: arie e romanze, musica da ballo, canzoni e canzonette, rock italiano, cover, ecc.  Tradizioni popolari è uno spazio interamente dedicato alla produzione di canzoni e di materiali espressivi da parte di informatori non professionisti: gente comune la cui voce e strumenti sono stati registrati sul campo a partire dagli anni sessanta e all momento consiste in 300 brani.

Nella sezione Contributi Extra è possibile consultare notizie e curiosità di autori e artisti oltre alla Discografia nazionale. Oltre ad offrire una panoramica completa della musica italiana, il portale ne documenta le origini popolari, anche attraverso il patrimonio di registrazioni inedite dell’Istituto Centrale per i beni Sonori e Audiovisivi (ICBSA), fornendo una vasta gamma di informazioni su ogni canzone.

Si tratta di una trovata geniale, nella settimana in cui gli occhi del mondo sono puntati sul palco dell’Ariston, che oltre a difendere e valorizzare la cultura sonora italiana, ne promuove gli aspetti poco conosciuti, facendone conoscere le bellezze nascoste.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here