Home Arte e Cultura Piedimonte Matese. All’ITIS “Caso” si parla di Medioevo

Piedimonte Matese. All’ITIS “Caso” si parla di Medioevo

Lunedì 19 febbraio il prof. Federico Marazzi incontrerà gli alunni delle classi seconde e terze per discutere su "Popoli e Migrazioni nel Medioevo italiano"

1663
0

Armando Pepe

Continuano giorno dopo giorno le attività d’interazione tra Scuola e Territorio per un sano ed ininterrotto scambio di opinioni ed informazioni in modo che le giovani generazioni dell’Istituto Tecnico Industriale possano conoscere il mondo che le circonda. A gennaio c’è stata la coinvolgente e interessantissima lezione formativa del Dipartimento di Meccanica dell’ITIS “Caso” e della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale tenuta dai professori Martini, Iacoviello, Figliolini e Ficco intorno ai problemi ingegneristici. Pochi giorni fa si è tenuto l’incontro dal tema “Vespa Piaggio, l’evoluzione di una specie”, promosso da Antonio Capuano, legato da personale amicizia al divulgatore storico della Fondazione Piaggio, il prof. Edmond Galasso, che ha intrattenuto magistralmente e con sapienza attoriale tutta l’appassionata platea. Ora tocca al Dipartimento di Italiano e Storia che, grazie alle premure del prof. Armando Pepe, porrà l’attenzione sul Medioevo per una visione globale e locale dei fenomeni storici.

Lunedì 19 febbraio 2018 alle ore 10 in Aula Magna il prof. Federico Marazzi (docente di Storia dell’Arte Medioevale presso l’Università Suor Orsola Benincasa in Napoli) incontrerà gli alunni delle classi seconde e terze per discutere su di un tema molto avvincente.

Popoli e Migrazioni nel Medioevo italiano

L’Italia nella sua millenaria storia è sempre stata un crogiolo di popoli con usi e costumi diversi, confluiti in una pluralità arricchente non solo da un punto di vista culturale ma anche antropologico e sociale. Del resto, come è scritto icasticamente sul palazzo della Civiltà Italiana nel quartiere EUR di Roma, quello italiano è: “Un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori”.

Resta sempre alta l’attenzione che il dirigente scolastico, prof. Nicolino Lombardi, e l’intero corpo docente pongono nei confronti degli alunni cui cercano di garantire un’impeccabile educazione, nel primigenio senso del termine.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.