Home Chiesa e Diocesi LA LETTERA. Il vescovo Valentino ai giovani: “cosa posso fare per conoscerti….?”

LA LETTERA. Il vescovo Valentino ai giovani: “cosa posso fare per conoscerti….?”

Parole che vengono dal cuore, dettate dalla passione per un Vangelo da annunciare in maniera nuova: il prossimo Sinodo dei Giovani voluto da Papa Francesco sollecita le Chiese locali ad entrare in contatto con i ragazzi e ad ascoltarli meglio e di più

2702
0
Mons. Di Cerbo con i giovani del Catecumenato crismale di Pontelatone in occasione della Visita pastorale

Gianluca De Vizio – “Spesso mi domando cosa posso fare per conoscerti, per capirti, per esserti utile”. Il Vescovo Valentino ha scritto ai suoi giovani.
Una lettera, con la prospettiva di un amico, di un fratello maggiore per esprimere un desiderio profondo, quello di stabilire un contatto, un legame, un confronto nuovo sui sogni, le speranze, gli entusiasmi dei nostri ragazzi nel mentre che edificano la propria vita e mentre compiono scelte di senso; ma anche dibattito intelligente e costruttivo sulla Chiesa che essi vorrebbero, sulla Chiesa che essi si attendono…

E lo fa Mons. Di Cerbo aprendo ai giovani l’esperienza del Sinodo indetto da Papa Francesco per il prossimo ottobre sul tema “I giovani e il discernimento vocazionale”; sarà quella l’occasione concreta per ridisegnare la Chiesa secondo le attese e le prospettive delle nuove generazioni. Una Chiesa che si mette in ascolto, che stabilisce un ponte, che cambia veste attendendo suggerimenti e istanze.

Il Vescovo Di Cerbo, con un’équipe di giovani sacerdoti ha predisposto il programma che toccherà i giovani di Alife-Caiazzo nei prossimi mesi, in attesa di far confluire il contributo di queste esperienze di confronto e di fede nei lavori del grande Sinodo in autunno. L’équipe – ora allargata a catechisti, insegnanti di religione, educatori di AC e guide Scout – ha messo a punto un calendario in 4 tappe ciascuna con un tema specifico: l’ascolto dei giovani, le esperienze, l’esperienza di Dio e Insieme alla scoperta del sogno di Dio. Le attività cominceranno domenica 25 febbraio e termineranno con l’entusiasmante momento del camposcuola diocesano in programma a fine luglio a Canneto; nel frattempo ci sarà il momento della Veglia di Pentecoste insieme a tutta la famiglia diocesana (sabato 19 maggio).
“Sarà un cammino di confronto”, ha scritto il Vescovo, in cui ogni giovane crescerà spiritualmente, sarà invitato a fare esperienze concreta di carità verso i poveri e di cura del Creato.

Ad agosto, appuntamento a Roma con Papa Francesco pronto ad incontrare tutti prima di dare inizio al lungo lavoro sinodale con i Vescovi e i sacerdoti incaricati.

Una esperienza che “ci farà scoprire meno soli e più amati”: così Mons. Di Cerbo invita i giovani a condividere questo tempo per capire chi siamo e dove vogliamo andare come Chiesa; tende la mano il Vescovo e lo fa a nome della più grande Chiesa pronta a dare, ma in questo caso a ricevere l’entusiasmo giovane di cui ha bisogno, il sussulto affettivo e sincero che viene dai ragazzi…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.