Home Territorio Piedimonte Matese. Risanamento idrogeologico di Sepicciano, affidato il progetto

Piedimonte Matese. Risanamento idrogeologico di Sepicciano, affidato il progetto

Sarà Angelo Meoli, attuale Responsabile Ambiente e Territorio dell’amministrazione Di Lorenzo, a dover redigere la progettazione definitiva e di dettaglio

1185
0

Michele Martuscelli – Finanziamento “salvato” e recuperato. Tempi stretti per la progettazione esecutiva per avere il titolo necessario ai lavori di risanamento idrogeologico di una frazione importante del territorio, quella di Sepicciano, e delle sue criticità geo-ambientali. Uno stanziamento – quello appostato dal Cipe (Comitato Interministeriale Programmazione Economica) in attuazione di un accordo tra Stato e Regione Campania, firmato nel 2010, di due milioni di euro che per lungaggini e ritardi burocratici rischiava di finire in soffitta, o peggio nel lavaggio delle revoche.
Ereditato, come altre cose, dalla giunta Cappello, il Progetto si era incagliato, era entrato in un limbo burocratico: “non è stato possibile – si legge nella determina del comune di Piedimonte Matese – dare seguito a quanto previsto nella convenzione sottoscritta nel 2015 secondo la tempistica prevista”. Nel 2015 l’allora giunta Cappello firmò la convenzione  in cui si accollava l’onera della progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi di riduzione e mitigazione del rischio idrogeologico.

Lo sblocco – una volta riprogrammate le risorse e quindi le garanzie sul finanziamento in questione con la riammissione – lo scorso autunno, con la comunicazione alla struttura regionale della nomina del nuovo RUP (responsabile unico procedimento), ing. Renata Tecchia, che ha successivamente emanato anche un avviso interno di carattere esplorativo per individuare figure disposte a curare la progettazione finale (due le disponibilità: Pietro Terreri, ex responsabile apicale, e Angelo Meoli, attuale Responsabile Ambiente e Territorio dell’amministrazione targata Di Lorenzo). L’affidamento è stato dato a Meoli, il quale, una volta formalizzato il contratto specifico dovrà entro 60 giorni redigere la progettazione definitiva e di dettaglio per utilizzare il finanziamento da appaltare e quindi con una nuova tempistica.
Intanto “le attività di progettazione sono sospese all’esito dei necessari rilievi ed indagini in sito”: il territorio di Sepicciano è attraversato da diversi rivi e canali con fragilità idrogeologica da mettere in sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.