Home Territorio Caiazzo / Alife. Il cordoglio dei sindaci alla famiglia Melillo

Caiazzo / Alife. Il cordoglio dei sindaci alla famiglia Melillo

Dopo la tragedia che ha colpito la famiglia Melillo, nella giornata di ieri, i sindaci di Caiazzo e Alife hanno espresso le loro condoglianze ai parenti delle vittime

1704
0

Il 29 Agosto 2018 sarà una data che questo territorio non potrà mai dimenticare, giorno in cui una tragedia immensa ha consumato in poche ore la gioia di un’intera famiglia. Ieri, sul tratto di Autostrada A1 tra Orvieto e Fabro, hanno perso la vita un padre, Michele Melillo, 33 anni, e suo figlio di soli 10 anni, Marcello Melilo, mentre viaggiavano a bordo della loro auto insieme ad Esther, moglie e madre, che è riuscita miracolosamente a salvarsi. La famiglia si recava a Milano, verso un centro di cure per il piccolo Marcellino, quando un TIR si è improvvisamente rovesciato e incendiato, trascinando con sè l’auto della famiglia. In via precauzionale il conducente del furgone, uomo bulgaro di 59 anni, è stato arrestato con l’accusa di omicidio plurimo colposo dalla Polizia Stradale, prontamente giunta sul posto insieme ai Vigili del Fuoco, costretti a spegnere le fiamme.

La notizia, giunta a noi nel corso della tarda mattinata di ieri, ha scosso profondamente le comunità dell’intero alto casertano. Il sindaco di Caiazzo, comune di residenza della famiglia, ha espresso il suo cordoglio alle vittime con queste parole :

“Una notizia che ha sconvolto tutti. Non ci sono parole, solo smarrimento e tristezza. Non possiamo fare altro che unirci al dolore della famiglia. Il mio personale abbraccio e le più sincere condoglianze da parte di tutta l’amministrazione e la comunità di Caiazzo”.

Il Comune di Alife, tramite un post sulla pagina facebook, ha lanciato un messaggio di affetto e condoglianze, rivolto ai familiari di Michele e Marcello:

“Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale tutta, partecipano con profondo dolore al grave lutto che ha colpito la famiglia Melillo per l’immatura e tragica scomparsa dei suoi cari”.

In queste tragiche circostanze non resta che affidarsi alla preghiera e al ricordo, anche se la ragione non sembra darci una spiegazione riguardo il perché due giovani vite debbano essere spezzate così, e su come sia potuto accadere tutto questo. Intanto ci stringiamo al dolore di Esther, e degli altri suoi due figli, nella speranza che possa trovare la forza per superare questo momento difficle. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here