Home Scuola Piedimonte Matese, all’Istituto alberghiero il “sapore” delle emozioni

Piedimonte Matese, all’Istituto alberghiero il “sapore” delle emozioni

Al Cotton Movie è andato in scena lo spettacolo "The stage of...emotion" frutto del laboratorio teatrale ceh ha coinvolto gli studenti del triennio

666
0

A scuola si cresce, prima di tutto come uomini.
E i nostri ragazzi oggi possono dirlo ad alta voce e con orgoglio: hanno compiuto un passio avanti nella vita; gli è bastato mettersi in gioco, uscire dai soliti schemi, vivere la scuola come un laboratorio di crescita.
Siamo all’Istituto Alberghiero di Piedimonte Matese, dove un gruppo di studenti del triennio, attraverso il progetto Pon The stage of…emotion ha vissuto tutto questo: messo in scena l’omonimo spettacolo e lo ha presentato in sala al Cotton Movie di Piedimonte Matese.
“Perché le cose riescano, a volte, non basta la volontà dei singoli… è necessaria la determinazione del gruppo. Sì, perché nel gruppo c’è quello fragile, quello timido, quello introverso, quello che ride sempre, quello che scappa e quello che cerca attenzione. Tutti si compensano, si fanno forza e, tutti insieme, si arriva alla meta” sono le emozioni raccontate sulla pagina facebook della Scuola al termine dello spettacolo.

Il percorso di recitazione e di studio di se è stato guidato dagli esperti Angelo Rotunno e Claudia Orsino, ormai figure accreditate presso scuole ed enti del territorio per progetti di promozione umana e territoriale; ha fatto parte a pieno titolo del lavoro di squadra la docente tutor Filomena Giusti e la psicologa Mariella Bove.

“Ostacoli che sembravano insormontabili come la gestione dell’ ansia, la timidezza di esprimersi in pubblico, la capacità di concentrazione, la padronanza dello spazio, si sono gradualmente dissolti; ciò non è stato indolore: pianti, crisi di panico, “fughe” e rientri nel gruppo hanno condotto a quella che oggi è stata una gradevolissima espressione delle potenzialità dei nostri ragazzi, che hanno dato tanto ma, soprattutto, hanno “ gettato la maschera”, come ha detto qualcuno”, questo il racconto dei lunghi mesi di lavoro.

Presente alla manifestazione la Dirigente Clotilde Riccitelli puntualizzando come il teatro, con la sua forza, può veicolare ai giovani messaggi positivi e renderli portatori di messaggi altrettanto positivi per tutti, soprattutto per il mondo adulto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here