Home Chiesa e Diocesi Piedimonte Matese, in ospedale per la Giornata Mondiale del Malato

Piedimonte Matese, in ospedale per la Giornata Mondiale del Malato

Appuntamento presso la cappella dell'Ospedale di Piedimonte Matese, lunedi 11 Febbraio alle ore 15:00

525
0

Come ogni anno, la Giornata Mondiale del Malato è l’occasione che ci invita a pregare per tutti coloro che fanno della sofferenza quotidiana il pane della vita.
“La XXVII Giornata Mondiale del Malato, che si celebrerà in modo solenne a Calcutta, in India, l’11 febbraio 2019, la Chiesa, Madre di tutti i suoi figli, soprattutto infermi, ricorda che i gesti di dono gratuito, come quelli del Buon Samaritano, sono la via più credibile di evangelizzazione. La cura dei malati ha bisogno di professionalità e di tenerezza, di gesti gratuiti, immediati e semplici come la carezza, attraverso i quali si fa sentire all’altro che è “caro”.” (Leggi integralmente il messaggio di Papa Francesco)

La Diocesi Alife – Caiazzo partecipa alla celebrazione solenne di questa importante ricorrenza, lunedì 11 Febbraio 2019, raccogliendo la propria testimonianza con la messa presieduta dal Vescovo Mons. Valentino Di Cerbo e dal cappellano Don Eusebio Swiderek, nella cappella dell’Ospedale di Piedimonte Matese, alle ore 15.00. Seguirà una processione tra i reparti dell’ospedale. Tutte le parrocchie celebreranno questa giornata in cui verrà amministrato il sacramento dell’Unzione Degli Infermi.

Come ci insegna Madre Teresa, il “modello” di carità verso i poveri e i bisognosi è ciò che ci spinge ad essere cristiani. Lo scrive il Papa, nel messaggio per la prossima Giornata mondiale del malato, in programma in forma solenne a Calcutta. La vita è un dono di Dio, non è “proprietà privata”, il monito, insieme al “grazie” ai volontari e all’invito a dire no all’aziendalismo e al profitto ad ogni costo. La cura dei malati ha bisogno di professionalità e di tenerezza, di gesti gratuiti, immediati e semplici come la carezza: di fronte alla cultura dello scarto e dell’indifferenza, il dono va posto come il paradigma in grado di sfidare l’individualismo e la frammentazione sociale contemporanea, per muovere nuovi legami e varie forme di cooperazione umana tra popoli e culture”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here