Home Arte e Cultura Alvignano. “Donne e poesia”, ecco le opere vincitrici del Concorso

Alvignano. “Donne e poesia”, ecco le opere vincitrici del Concorso

Presso l'Aula consiliare del Comune di Alvignano (sabato 9 marzo) la premiazione delle poesie che si sono distinte nel Concorso poetico

567
0

La donna è da sempre musa ispiratrice di poeti e artisti, che ne hanno cantato le sue ammalianti virtù. All’universo femminile è stato dedicato il concorso Donne e poesia, che ha visto in lizza ben 168 poesie provenienti da istituti scolastici insistenti in 15 comuni del territorio altocasertano.
Le poesie, esaminate da Gina Galvan, che si sono aggiudicate il podio sono: Bambine di Giorgia Fragola, alunna del Plesso scolastico “Madonna del Pozzo” di Piedimonte Matese – Istituto Comprensivo “Falcone” – (primo posto); Tu donna di Carlotta Di Fonza, del Plesso di Maiorano di Monte (secondo posto); Meravigliosa di Benedetta Morgillo e Camilla Cerchia, alunne della Scuola Secondaria di Primo Grado di Calvi Risorta (terzo posto). Per la Scuola Secondaria di Secondo Grado i testi vincitori sono quelli di Angela Di Muzzo e Francesca Lombari frequentanti il Liceo Scientifico di Vairano Scalo.

La cerimonia di premiazione è stata ospitata dalla Sala consiliare del Comune di Alvignano, sabato scorso (9 marzo), alla presenza di un folto pubblico di spettatori, formato da studenti, docenti e rappresentanti delle istituzioni locali, primo fra tutti il sindaco Angelo Marcucci; Mariateresa Mongillo, assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Alvignano, la dirigente scolastica Aida Cortese e la scrittrice Daniela De Rosa. Il pomeriggio è trascorso in modo piacevole, con la presentazione delle opere da parte della moderatrice Alessia Aleida, con un riferimento alla storia, gravida di difficoltà e ostacoli, toccata alle donne.

Un breve excursus a partire dal 1865, quando esisteva ancora il Codice delle famiglie che impediva alle donne di frequentare gli uffici pubblici, per arrivare agli inizi del 1900 le prime conquiste. Nel 1908 si svolse in Campidoglio a Roma il Primo Congresso delle donne italiane, che segna il primo passo verso l’emancipazione delle donne, si susseguono poi le prime emancipazioni sociali: nel 1951 la prima donna in parlamento, nel 1975 fu riformato il diritto di famiglia garantendo parità legale uomo – donna.
A rendere ancora più delizioso il tutto è stata la gradevole voce di Ingrid Sasso, cantante di Alife.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here