Home Scuola Liceo Artistico Galilei. Gli studenti promuovono un “tesoro” nascosto della Campania

Liceo Artistico Galilei. Gli studenti promuovono un “tesoro” nascosto della Campania

Nell'ambito del Progetto promosso dal MIUR, gli alunni del Liceo Artistico di Piedimonte Matese scelgono il Castello di Rupecanina come "tesoro" da conoscere e in prospettiva valorizzare

364
0

Gli studenti del Liceo artistico “G. Galilei” di Piedimonte Matese si sono brillantemente distinti nell’ambito del progetto I tesori nascosti della Campania, promosso dal MIUR, che ha coinvolto i licei artisti i Licei artistici campani facenti parte di una rete di collaborazioni e interazioni istituzionali. I ragazzi dell’Istituto matesino, guidato dalla dirigente Bernarda De Girolamo, hanno presentato il loro progetto, sabato scorso (11 maggio), nell’ambito dell’evento-convegno patrocinato dal Rotary Club Alto Casertano e dal Comune di Sant’Angelo d’Alife.

Gli alunni hanno incentrato la loro proposta di fruibilità e, in prospettiva, valorizzazione del Castello di Rupecanina nel tentativo di suscitare nelle Istituzioni interventi concreti, situato tra i comuni di Sant’Angelo d’Alife e Raviscanina, a un’altezza di 500 metri. Il lavoro degli studenti, frutto di un gioco di squadra portato a termine grazie anche al sostegno degli insegnanti e della dirigente De Girolamo, sempre attenta a iniziative culturali che possano servire a portare alla luce talenti giovanili, è stato presentato nel corso della Giornata Rotariana del Patrimonio Culturale.

A introdurre il Convegno sono stati gli alunni dell’indirizzo musicale, offrendo una cornice suggestiva all’apertura della Terza edizione della mostra “Il filo rosso“, curata dagli alunni del Liceo Artistico. A seguire, i saluti della dirigente De Girolamo, di Alfonso Marra, presidente Rotary Club Alto Casertano e Michele Caporaso, sindaco di Sant’Angelo d’Alife. Dopo l’introduzione di Attilio Costarella, responsabile Rotary del Progetto, la parola è passata agli alunni, i quali hanno esposto il loro progetto. In chiusura, gli interventi di Luigi Di Cosmo, ispettore onorario Beni Archeologici; Giuseppe Massimiliano Ronga, docente di Autocad e Ada Colapetella, ceramista presso la Bottega Terraquea.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here