Home Territorio Amministrazione condivisa e Patti di collaborazione nell’incontro targato Amici di Pericle

Amministrazione condivisa e Patti di collaborazione nell’incontro targato Amici di Pericle

All'incontro, svoltosi l'8 giugno scorso, ospite Pasquale Bonasora, membro del Consiglio Direttivo dell’associazione Labsus (Laboratorio per la Sussidiarietà)

512
0

L’associazione Amici di Pericle, lo scorso 8 giugno, ha invitato Pasquale Bonasora, membro del Consiglio Direttivo dell’associazione Labsus (Laboratorio per la Sussidiarietà – www.labsus.org), ad un incontro pubblico con cittadini ed associazioni, per illustrare il Regolamento per l’Amministrazione Condivisa dei beni comuni e i patti di collaborazione.

Di cosa si è parlato?
L’incontro, dal titolo Beni comuni e cura della città, è stato l’occasione per fare il punto sullo stato di implementazione, da parte della città di Piedimonte Matese, del “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazioni per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa dei beni comuni urbani”, approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Piedimonte Matese il 5 dicembre 2017. Da allora, non poche difficoltà hanno segnato il cammino e costante è stata l’interlocuzione dell’Associazione con l’Amministrazione Comunale per rendere operativo il Regolamento.

Cosa manca per rendere il Regolamento del tutto operativo?
A distanza di circa 18 mesi dall’approvazione restano ancora due azioni da completare per dare il via alla piena operatività del Regolamento: la predisposizione di un ufficio per l’amministrazione condivisa che supporti i cittadini nell’iter amministrativo per la sottoscrizione dei Patti di Collaborazione e la realizzazione, sul sito istituzionale del Comune, di una sezione dedicata ai beni comuni che dia ai cittadini informazione costante sulle modalità per avanzare proposte di collaborazione, consenta di conoscere ed eventualmente aderire ai patti di collaborazione in corso e consenta di conoscere le opportunità di collaborazione proposte dall’Amministrazione comunale.

Patti di Collaborazione, quali i risultati finora?
In questi mesi l’interesse per questo potente strumento di cittadinanza è cresciuto significativamente. Molti cittadini ed associazioni hanno già espresso la volontà di avanzare proposte di collaborazione all’amministrazione comunale per prendersi cura dei beni comuni. Alcuni cittadini sono intenzionati a curare spazi verdi, altri hanno manifestato la medesima volontà di cura degli spazi verdi dotandoli di giostrine per bambini; un’associazione chiede uno spazio pubblico per organizzare corsi di formazione gratuiti; il garante dei diritti delle persone disabili della città di Piedimonte Matese, unitamente a cittadini ed associazioni, è intenzionato a realizzare, su tutti gli edifici e le aree pubbliche, studi di fattibilità sul tema del miglioramento dell’accessibilità propedeutici alla realizzazione del PEBA (Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche). Non ultimo, la disponibilità dell’associazione Amici di Pericle a realizzare, attraverso un patto di collaborazione, il sito istituzionale dedicato all’Amministrazione Condivisa e a supportare l’Amministrazione comunale nel percorso di promozione ed implementazione del Regolamento.

Quali le prospettive future di “collaborazione” tra cittadini e amministratori?
Pasquale Bonasora ha sottolineato le enormi potenzialità del Regolamento ed illustrato ai molti intervenuti cos’è questo strumento e, soprattutto, cosa sono i patti di collaborazione. Ha accompagnato i presenti attraverso un viaggio tra le ormai numerosissime esperienze di collaborazione tra cittadini ed amministrazioni di tante città italiane, con esempi concreti, chiarificando i contenuti e mostrando le enormi potenzialità dello strumento. La possibilità di voler bene ai propri luoghi e avere la capacità e gli strumenti di farli rivivere attraverso la rigenerazione ma soprattutto sottolineando i legami di comunità che sono in grado di creare i patti di collaborazione tra le persone. Come pochi, Pasquale Bonasora ha catturato l’attenzione e le curiosità degli intervenuti che hanno avuto la possibilità di porre numerose domande ed ottenere esaustive risposte e spunti. Al termine le rassicurazioni del vice sindaco Filetti, presente all’incontro insieme a Marcella Spinosa, assessore con delega alle Associazioni, che ha confermato l’impegno a predisporre in tempi rapidi l’Ufficio per l’Amministrazione Condivisa e la volontà dell’Amministrazione di proseguire sulla strada tracciata dal Consiglio Comunale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.