Home Eventi CAI Piedimonte Matese. Prosegue la “Traversata del Matese”, edizione n. 14

CAI Piedimonte Matese. Prosegue la “Traversata del Matese”, edizione n. 14

La sezione Cai di Piedimonte Matese organizza la XIV edizione della "Traversata del Matese", una settimana lontani dallo stress cittadino per conoscere il Parco Regionale del Matese. In corso fino all'11 agosto

548
2

Amalia FontanaÈ in corso in questi giorni e fino a domenica 11 agosto la XIV Traversata del Matese promossa dalla sezione del Club Alpino Italiano di Piedimonte Matese. Quest’ anno i partecipanti sono 15 escursionisti provenienti dalla Toscana, dal Lazio, dalla Sicilia e dalla Campania. Guidati da Sandro, Alessandro e Franco, gli escursionisti compiranno un percorso di ben 90 km di cammino lento, attraversando boschi, colline, sentieri, valichi, monti, torrenti e laghi, spostandosi da un estremo all’altro del Parco Regionale del Matese.

Il sentiero toccherà interessanti tappe partendo da San Lorenzello, passando per Cusano Mutri, Bocca della Selva, addentrandosi nei boschi di monte Orso fino ad arrivare a Valle Reale, Miralago, per poter attraversare il Lago in canoa e infine passare per Letino, Gallo Matese per arrivare a Roccamondolfi. Sette giorni per scoprire le meraviglie del territorio matesino in un percorso sia fisico che culturale, perché al piacere di fare sport si aggiunge il contributo empatico del gruppo e di conoscenza dei luoghi che vengono percorsi, con laboratori e seminari didattici.

La Traversata non è solo un percorso di trekking ma è un’occasione per vivere una esperienza unica, un percorso sensoriale che suscita un mix di emozioni, perché oltre  all’elemento naturalistico racchiude l’essenza culturale, storica e gastronomica del territorio.

2 COMMENTI

  1. Dal mio diario di viaggio:
    ….un po’ prima incontriamo due soci CAI di Campobasso, a un Fontanile bellissimo, davvero. L’acqua è gelida e noi ne approfittiamo per rinfrescarci. Poi i due nuovi amici ci guidano verso il confine di regione e l’azienda agricola La Pecorella Nera dove pranzeremo. Daniele, il pastore è molto speciale. Ama il suo lavoro con tutto se stesso. Oserei dire che ha trovato la sua vocazione. Mi piace, cerco di assorbire la sua positività come una spugna.
    Dopo una fase di verifica della traversata dove tutti noi siamo stati chiamati ad esprimerci, saluti, baci e abbracci e si riparte su un sentiero super spinoso e secco che mi graffia le gambe ostinatamente nude. Scendiamo a Monteriggioni dove ci aspettano i soci CAI che con la mia più profonda ammirazione ci hanno riaccompagnato a San Potito, all’ agriturismo Bacco e Bivacco dove abbiamo ripreso le macchine, non senza aver bevuto una fresca limonata e salutato con caldi abbracci chi ci ha offerto questa meravigliosa esperienza….
    Vivere questa esperienza è stato davvero fantastico, consiglio a chi ha voglia di mettersi in gioco e di scoprire il Parco Nazionale Metese di indossare le scarpe adatte e un abbigliamento idoneo e partire senza indugio!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here