Home Territorio Ecco perché “un paese ci vuole”. Spopolamento e sviluppo dei centri minori...

Ecco perché “un paese ci vuole”. Spopolamento e sviluppo dei centri minori nella riflessione di Stefano Carluccio

Stefano Carluccio, originario di Conza della Campania, luogo dell'epicentro del terremoto dell'80, ci propone una riflessione sulle tante buone e interessanti ragioni per cui vivere i luoghi dell'entroterra italiano vale la pena

466
0
Veduta di Conza della Campania (foto Wikipedia)

Una riflessione che nasce da un profondo sentimento di appartenenza, da un amore palesato verso l’Italia, dall’ammirazione verso l’indiscutibile bellezza delle zone “interne e interiori” del Belpaese. È la riflessione del dottor Stefano Carluccio, nato ad Avellino e originario di Conza della Campania, nell’Alta Irpinia, paese in cui si è verificato l’epicentro del terremoto dell’80. Da allora Conza ha dovuto fare i conti con un continuo spopolamento, un esodo che ha portato persone e intere famiglie a spostarsi in luoghi dove “la qualità della vita” è migliore. Ma è davvero così? Davvero in città si vive meglio? Sicuro è che “un paese ci vuole” per assaporare tutta la bellezza di territori e tradizioni antiche, e gli infiniti valori intrinseci al vivere comunitario. Il tema del regresso demografico dei paesi ha ispirato il concorso “Un paese ci vuole”, cui ha partecipato il comune di Valle Agricola, cui tocca fare i conti con il poco incoraggiante fenomeno.

 Riceviamo e pubblichiamo 
Di Stefano Carluccio – “Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei resta ad aspettarti”. Così diceva, quasi 70 anni fa, Cesare Pavese nel suo ultimo libro La luna e i falò (ndr), scritto poco prima di suicidarsi. Il culmine della sua maturità letteraria e uno dei capolavori del Novecento italiano. Pavese, in questo come in altri libri precedenti, esprime tutto il suo amore per la campagna, per la terra, per la natura, per i piccoli villaggi abitati da gente semplice e laboriosa, quei villaggi che facevano parte dell’Italia più bella.

Stefano Carluccio

L’Italia delle eccellenze enograstronomiche. L’Italia delle tradizioni secolari.
L’Italia delle bellezze naturali e dei luoghi incontaminati. L’Italia della vita lenta e del dolce far niente. Per Pavese, e per tutti quegli inguaribili romantici che ancora oggi vedono nell’Italia interna, ed interiore, tutta questa grande bellezza, l’Italia vera è questa qui.
Lontana dai grandi centri pieni di luci e di gente, di traffico e di stress, di velocità e di indifferenza verso il prossimo. Lontana anche da una industrializzazione e da uno sviluppo selvaggi, che spesso arrecano più danni che benefici. Lontana da folle oceaniche di turisti alla ricerca disperata del solito banale selfie. Lontana da tutto quello che rappresenta il consumismo, lontana dallo sfruttamento delle risorse come se non ci fosse un domani, lontana dalla povertà di valori e di sentimenti. Ecco, un paese ci vuole perché in un paese, non in tutti, ma in molti sì, riesci a trovare tutto questo. In un paese che senti tuo, perché la dimensione è finalmente umana, riesci a riscoprire lo scorrere lento delle stagioni.

In un paese a cui pensi di appartenere, il senso di comunità lo senti ogni giorno.

Nella foto una veduta di Valle Agricola

In un paese che arrivi ad amare, col tempo ti affezioni a ogni singola pietra che lo compone. Negli ultimi anni, ne siamo tutti a conoscenza, l’emigrazione dai paesi alle città è cresciuta esponenzialmente. E i dati dicono che in pochi decenni il 70% della popolazione mondiale abiterà nelle città. Perché nelle città ci sono più opportunità, più servizi, più lavoro. Si dice, quindi, che nelle grandi città la “qualità della vita” sia migliore rispetto ai piccoli paesi. Ma può chiamarsi qualità della vita spendere più della metà del proprio stipendio per vivere in un monolocale di 20 mq? Può chiamarsi qualità della vita respirare livelli altamente nocivi di diossina e di gas ogni giorno della propria vita?
Può chiamarsi qualità della vita vivere nell’indifferenza verso l’altro e nell’isolamento?
Io non penso. Evidentemente ci sono modi diversi di intendere la qualità della vita.
E i prossimi anni saranno cruciali, come specie, per decidere quale strada vogliamo imboccare. Se vogliamo continuare a sacrificare la salute in cambio di una discoteca in più. Se vogliamo continuare a vivere in spazi angusti e senza luce per poter comprare una maglia in più. Se vogliamo continuare a rinnegare il nostro rapporto simbiotico con la natura che ci circonda per avere più mezzi di trasporto con cui muoverci come trottole da una parte all’altra della metropoli. Ma un paese ci vuole. Perché in un paese non si è mai soli, anche quando lo si è.
Perché in un paese, anche se non ci sei, sai che c’è qualcuno o qualcosa che ti aspetta.
Perché in un paese sai che tra quelle case e quelle strade, tra quei boschi e quei ruscelli, c’è qualcosa che ti appartiene. Per sempre.

Dott. Stefano Carluccio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here