Home Arte e Cultura Posso.it, il portale per “imparare condividendo” ai tempi del Coronavirus

Posso.it, il portale per “imparare condividendo” ai tempi del Coronavirus

La piattaforma digitale è stata ideata da One More Pictures e realizzata da Direct2Brain, in collaborazione con RAI COM e rappresenta uno spazio di confronto su tematiche diverse, in compagnia di professionisti e nomi noti dello spettacolo

2384
3

Annamaria Tartaglia – Ai tempi del Covid 19 c’è qualcosa di più contagioso del virus: la solidarietà. Nasce posso.it, online dall’8 aprile, la piattaforma digitale ideata da One More Pictures e realizzata da Direct2Brain, in collaborazione con RAI COM. Questa distanza che ci separa fisicamente dagli affetti più cari, ormai da più di un mese, paradossalmente ci unisce. Condividiamo paure, preoccupazioni, angosce: insomma, siamo lontani gli uni dagli altri, ma allo stesso modo fragili, impotenti di fronte ad una situazione che stiamo imparando a gestire sebbene a piccoli passi.

Questa piattaforma vuole essere un’enorme piazza dove tutti possono mettere a disposizione, gratuitamente, le proprie competenze e abilità. Le competenze offerte sono suddivise nelle categorie più disparate, dall’Alimentazione e la Nutrizione, alla Letteratura e alla Filosofia; dalla Spiritualità e la Preghiera, alla Legge e al Fisco; dalla Cucina alla Psicologia: tutti possono iscriversi e condividere le proprie competenze.

Sono soprattutto i volti noti a condividere il loro tempo cercando di allietare il più possibile la permanenza a casa. La voce calda di Alessio Boni recita le poesie di Alda Merini; Alberto Matano dà suggerimenti sulle letture che potrebbero farci compagnia, Cristiana Capotondi delizia gli spettatori con le sue ricette, come la pasta frolla e tanti altri. Tra gli esperti anche molti specialisti, quelli che ogni giorno combattono in corsia: l’oncologa professoressa Adriana Bonifacino, la nutrizionista dottoressa Sara Farnetti, il chirurgo vascolare dottor Roberto Chiappa, le psicologhe e psicoterapeute, dottoresse Anna Rita Verardo e Maddalena Cialdella.

Manuela Cacciamani, produttrice di One More Pictures e ideatrice del progetto, ha affermato: “In tempi tanto difficili per tutti, ho voluto mettere in pratica un’idea semplice, aiutando a combattere il senso di inutilità e lo sconforto che ogni tanto ci assale tutti. Una comunità digitale attiva e positiva mette in moto le energie di oggi e inizia a costruire il mondo che troveremo dopo l’emergenza, facendo leva sui valori fondanti di una società solidale e sui talenti degli italiani. Aiutare gli altri ci fa sentire meglio”.

La piattaforma, in effetti, è una vera comunità, fatta di persone che vogliono insegnare, imparare, consigliare, risolvere problemi o che, semplicemente, vogliono evadere dai dati in continuo aggiornamento, vogliono dimenticarsi, per il tempo di un video, della pandemia fingendo normalità. Ognuno può e deve chiedersi: “Cosa so fare?”. Pensandoci bene, tutti abbiamo qualcosa da insegnare, è un modo per tendere la mano all’altro, un “ti aiuto io” anche se, per il momento, ancora in maniera virtuale.

3 COMMENTI

  1. Sono Maria IRENE Pesole
    Ho lavorato come insegnante madrelingua spagnolo(posso offrire conversazione di spagnolo)
    Mi piacerebbe far corsi di meditazione
    Se ce qualcuno inetressato a questo scambio, sarei molto felice
    vi saluto
    ottima idea questa
    congratulazioni

    • Carissima, grazie per aver letto il nostro articolo…
      Al momento la cosa più opportuna da fare è interagire direttamente con il sito posso.it e mettersi a disposizione dell’utenza. Noi di Clarus, avendo visto la positività dell’iniziativa, abbiamo deciso di far conoscere ai lettori questa cosa… Buona giornata, e torna a leggerci!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.