Home Chiesa e Diocesi Esami di Maturità. “Cari studenti, la maturità ve la state giocando adesso,...

Esami di Maturità. “Cari studenti, la maturità ve la state giocando adesso, in una prova che vi chiede di essere già adulti…”

Il videomessggio del vescovo Orazio Francesco Piazza al mondo della Scuola e alle famiglie in vista della fine dell'anno scolastico: non disperdere lo forzo e i risultati raggiunti fino a questo momento

828
0

Un messaggio ai Dirigenti scolastici, ai docenti, agli studenti, alle loro famiglie…
Ma è soprattutto ai più giovani che si preparano all’esame di maturità, che si rivolge il messaggio odierno di mons. Orazio Francesco Piazza, vescovo di Sessa Aurunca e Amministratore Apostolico di Alife-Caiazzo.

Chiede di non vanificare gli sforzi compiuti da tutti in queste lunghe settimane di quarantena affinché l’organizzazione della didattica a distanza possa funzionare al meglio e garantire ai ragazzi il più giusto ed equilibrato percorso formativo fino alla fine di questo anno; chiede di dare prova di maturità adesso, oggi, ancor prima di giungere in “sede d’esame”, facendo di questa difficoltà – in tempo di coronavirus – la vera occasione di crescita e di maturità…che servirà per il futuro e per la vita.

Ai Dirigenti parole di gratitudine per l’organizzazione di questo nuovo stile in cui si sta vivendo l’esperienza scolastica, seppur tra mille difficoltà; ai docenti altrettanta gratitudine e la richiesta di “un ulteriore grande sforzo per il modello con cui si dovrà chiudere l’anno scolastico”; agli studenti le parole incoraggianti “non vi preoccupate del modello con cui sarete chiamati a dare prova della vostra preparazione e della vostra maturità, perché la maturità ve la state già giocando in questi giorni e soprattutto nell’importanza che state dando alla formazione anche quando non c’è un controllo diretto. Si cresce, si diventa adulti quando si assume al responsabilità in proprio…
Vorrei che prima ancora che veniste valutati per la preparazione in ordine ai temi culturali possiate dimostrare la vostra maturità umana essendo cresciuti come persone…”.
Alle famiglie la richiesta di comprendere lo sforzo compiuto dalle Istitutuzioni scolastiche ma anche di sostenere la novità che questo tempo ha portato nella vita dei loro figli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.