Home Territorio Parte il progetto “Campania Solidale”, per un aiuto concreto e completo alle...

Parte il progetto “Campania Solidale”, per un aiuto concreto e completo alle persone disabili

Ad annunciare il progetto è l'avvocato Paolo Colombo, Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania. Il servizio è finalizzato a favorire la permanenza del disabile nel proprio nucleo familiare o di appartenenza sociale

333
1

Si chiama “Campania Solidale” il servizio di sostegno alle persone disabili e alle loro famiglie, grazie al quale viene favorita la permanenza del disabile nel proprio ambiente familiare o sociale di appartenenza, così da ridurre le richieste di ospedalizzazione. A descrivere tale progetto è l’avvocato Paolo Colombo, Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania.

Comunicato stampa – È con viva soddisfazione che il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Campania, annuncia la partenza del progetto “Campania Solidale”.
“Campania Solidale” è un servizio di aiuto per le persone con disabilità e le loro famiglie residenti in Campania. È espressione della sussidiarietà orizzontale, con il coinvolgimento del Terzo Settore e della Società Civile.

Il servizio si propone: favorire la permanenza del disabile nell’ambiente familiare e sociale di appartenenza riducendo il ricorso all’ospedalizzazione impropria ed evitando, per quanto possibile, il ricovero presso strutture residenziali; promuovere la conservazione ed il recupero dell’autonomia personale e delle relazioni sociali; garantire la cura della persona; fornire supporto in situazioni di emergenza familiare; favorire la prevenzione ed il contrasto dei processi di emarginazione sociale o dei fenomeni di isolamento, di solitudine e di bisogno, oltre a favorire il miglioramento della qualità della vita in generale.

L’avvocato Paolo Colombo, Garante dei diritti dei disabili Regione Campania

Vengono previste attività ben precise: aiuto nello svolgimento di pratiche amministrative e di accompagnamento presso uffici; telefono amico o servizio di compagnia, visite domiciliari ai particolarmente emarginati, attività di accompagnamento presso familiari e vicini e presso luoghi di interesse culturale o sportivo, finalizzata a mantenere o ristabilire relazioni affettive e sociali; sostegno per la fornitura o l’acquisto, su richiesta, di alimentari e di generi diversi nonché di strumenti e tecnologie per favorire l’autonomia, supporto psicologico, animazione della comunità locale.

Per chi volesse usufruire di questo servizio, può compilare il modulo di segnalazione sul sito campaniasolidale.garante.disabili@cr.campania.it.
L’avv. Colombo sentitamente ringrazia la Caritas Campania, la Croce Rossa della Campania, tutti i Centri di Servizio di Volontariato della Campania e l’Università degli Studi Federico II di Napoli, oltre a tante altre entità e singoli animati di tanta buona volontà per la collaborazione gratuita fornita e che forniranno.

Napoli, 21.05.2020                                                   Il Garante dei disabili

Avv. Paolo Colombo

 

1 COMMENTO

  1. Ha detto tutto e niente!!!! Questa è pura politica, di questi tempi. I servizi caro garante, li possono erogare i Comuni, tramite Piano di zona, il resto mi sembra di aver capito che sono elencate cose già conosciute, sapute e risapute. Ma in realtà, a noi e i nostri figli non ci aiuta proprio nessuno, fate meno politica con questa parola disabili, noi siamo persone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.