Home Territorio Riunito il Coordinamento regionale delle Città dell’Olio. Caiazzo risponde all’appello

Riunito il Coordinamento regionale delle Città dell’Olio. Caiazzo risponde all’appello

Si è riunito in videoconferenza il Coordinamento regionale delle Città dell'Olio della Campania. A rappresentare la città di Caiazzo Teresa Fasulo, assessore all'Agricoltura

779
0

Maria Annunziata Forgione – È tempo di ripresa anche per le eccellenze del territorio altocasertano e matesino. Per la città di Caiazzo questo significa riprendere il lavoro di promozione di quello che può essere considerato a tutti gli effetti il prodotto di punta della produzione locale: l’Oliva Caiazzana dalla quale si ricava un eccellente olio extravergine. Nella giornata di ieri, 23 luglio, si è riunito, in videoconferenza, il Coordinamento regionale delle Città dell’Olio della Campania, di cui Caiazzo è membro storico, alla presenza del direttore dell’Associazione nazionale, Antonio Balenzano e di Michele Sonnessa, presidente nazionale.

Nel corso dell’incontro, in cui si sono susseguiti i vari interventi dei partecipanti, l’Assemblea si è espressa con la scelta unanime di Carmine Pignata, sindaco di Oliveta Citra (Sa), nel ruolo di coordinatore regionale; il vice coordinamento, invece, è stato affidato a Pasquale Caruso, vice sindaco del Comune di Zungoli, e Adele Amoruso, assessore presso il Comune di Campagna nel ruolo di vice coordinatore vicario. A rappresentare il capoluogo caiatino nella più importante vetrina dell’Olio d’oliva d’Italia sarà Teresa Fasulo, assessore comunale all’Agricoltura, su delega del sindaco Stefano Giaquinto.

I rappresentanti si sono confrontati sulla conferenza stampa di presentazione della proposta sui Decreti Attuativi della Legge “Turismo dell’Olio” con il senatore Dario Stefano, in programma per il 29 luglio prossimo e dell’incontro con il ministro Bellanova, in cui si discuterà dei progetti concernenti il Turismo dell’Olio e delle misure attuabili per contrastare l’abbandono dei terreni agricoli. Infine, sono stati presentati ai soci il progetto “Concorso Idee Turismo dell’Olio” a cura della professoressa Roberta Garibaldi e l’edizione 2020 della Camminata tra gli olivi (25 ottobre), con una parentesi all’evento conclusivo relativo al Turismo dell’Olio.

Oliva Caiazzana, proprietà e lavorazione
La zona di produzione dell’Oliva Caiazzana, Presidio Slow Food, è quella che riguarda i comuni del versante del Monte Maggiore che si affacciano verso la valle del Volturno, e i comuni di Caiazzo e delle Colline Caiatine. Il periodo migliore per la raccolta è ottobre, infatti l’Oliva Caiazzana presenta una maturazione piuttosto precoce. La tradizione vuole che questa si cucini, e si mangi dopo la cottura, conservata in salamoia o sottolio. In realtà esistono anche alcune varianti locali di conservazione, ad esempio sotto la cenere. Il processo di lavorazione dell’oliva infornata dura tra i 15 e i 20 giorni: prima della cottura l’oliva si lascia in acqua con sale e aromi (come il finocchietto selvatico e l’aglio). In una tipica dieta mediterranea, le olive costituiscono un notevole apporto di grassi, di vitamine, potassio e sali minerali. Le olive nere invece contengono meno carboidrati, quindi sono più digeribili delle verdi, ma più caloriche. (Fonte caserta.italiani.it).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.