Home Territorio Dal Matese al Mondo. Domani pomeriggio l’evento culturale dell’estate matesina a cura...

Dal Matese al Mondo. Domani pomeriggio l’evento culturale dell’estate matesina a cura della Biblioteca diocesana

Posti esauriti giò dal primo lancio dell'evento. Confronto a più voci sul futuro dei borghi della ree interne

905
0
Evento musicale e teatrale a cura della Biblioteca, estate 2019

Conto alla rovescia per l’evento “Dal Matese al Mondo” a cura della Biblioteca diocesana San Tommaso d’Aquino in programma domani 29 luglio alle 17.00 nel cortile dell’episcopio a Piedimonte Matese.
Tutto esaurito fin da subito, fin dal lancio dell’appuntamento: posti limitati a causa delle misure anticovid, ma riservati solo ad under30, ma sarà possibile seguire la diretta trasmessa dalla pagina facebook della Biblioteca (dalle 17.30).
Un’iniziativa pensata per i giovani, come occasione di formazione e di stimolo sulle prospettive future per coloro che decidono di partire (per studio o lavoro) abbandonando il borgo o per chi – quasi in controtendeza – decide di restare. La bella cornice del cortile interno dell’episcopio sarà infatti luogo di un incontro privilegiato e di dialogo tra chi è partito e fuori dai confini regionali o italiani si è affermato in campo artistico, tecnologico, commerciale, e poi chi invece ha deciso di investire in loco, e i tanti universitari alle prese con decisioni su “cosa farò domani”.
Al centro del dibattito che vedrà più voci e più orientamenti culturali a confronto, la riflessione sul valore conferito ai borghi locali per il merito della cultura esportata o qui coltivata dai figli di questa terra.

La Biblioteca diocesana si conferma luogo di pensiero, spazio accogliente di idee, piattaforma di lancio di sempre nuove proposte: la carità culturale che la Diocesi di Alife-Caiazzo ha deciso di rendere al territorio si concretizza nell’ininterrotto dialogo che da questo contesto si apre a quello laico e trova interlocutori vivaci nel mondo della scuola, della cultura in genere, dell’associazionismo locali, nei contesti universitari…

Foto precedente il Covid19

A preparare il clima della serata di domani ci hanno pensato i tanti figli del Matese che per motivi di lavoro non saranno presenti all’evento, ma attraverso dei brevi video hanno raccotnato la loro esperienza: Olindo Isabella che insegna Elettronica alla University of technology di Deft (Paesi Bassi); Francesco Fossa, giornalista, fotografo che ha realizzato decine di reportage in molte aree calde del mondo come Balcani, Medio Oriente, Asia, Africa. Mario D’Amore, trapiantato a Berlino e impegnato nella missione NASA / MESSENGER per conto dell’ESA-ente spaziale europeo; Antonio Crispino, infermiere in Covid Center a Piacenza; Salvatore Masucci, ingegnere alla Ferrari dopo un passaggio in Lamborghini; Alessandro Di Sorbo che vive e lavora a Roma come grafico, fumettista, illustratore; Antonio Masucci, ingegnere presso FCA; Maddalena Zullo, insegnate e scrittrice, ora in Lombardia… (tutti i video sulla pagina facebook della Biblioteca)

I nomi e i temi
Ad aprire la serata di domani, il direttore Luigi Arrigo; al vescovo Mons. Orazio Francesco Piazza, amministratore apostolico, toccherà la conclusione. Mentre la sintesi dei contenuti sarà affidata al pensiero e alla voce di Nino Pascale, già Presidente nazionale di Slow food.
Sono tre le aree tematiche che saranno approfondite: ambiente, economia e tecnologia; in esse l’esperienza dei narratori d’eccezione, originari del territorio ma residenti anche fuori, coniugherà il racconto personale e professionale con l’idea innovativa per il “borgo”, per il luogo-Matese.

Per la sezione psico-ambientale interverranno Maria Teresa Imparato, presidente regionale di Legambiente e Sara Maontoro, architetto. Per la sezione socio-economica parleranno Marco D’abbraccio, Funzionario al Servizio Europeo di Azione Esterna (UE) e Pierluigi Reveglia, Chimico, ricercatore presso l’università di Foggia. Per l’aspetto tecnologico-futurista interverranno Gabriella Mastroianni, imprenditrice Information & Communication Tecnology e Antonio Del Giudice, Ingegnere informatico e vicepresidente del CAI Piedimonte Matese.

Agli interventi tematici seguirà il forum con la partecipazione di altri protagonisti del territorio, ognuno con un’esperienza e un sogno di “innovazione” possibile:  Biospira – Start up innovativa con sede ad Alvignano (Onofrio Biasi, Biologo, e Antonio Mirto, Dottore di ricerca in Risorse e Ambiente); CMH – Start up – Web agency con sede a Piana di Monte Verna; Luca Di Lello amministratore comunale a Castello del Matese; Francesco Lutri, scrittore di Piedimonte Matese; Antonella Mastroianni di Alvignano, ingegnere nel campo delle comunicazioni a Copenaghen; Pasquale Orsi, Sindaco di Letino.

Un “borgo” migliore è possibile. Menti brillanti si raccontano nell’evento della Biblioteca diocesana San Tommaso d’Aquino

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.