Home Territorio “Assenza di governance del Parco Regionale del Matese”. La Consulta delle Associazioni...

“Assenza di governance del Parco Regionale del Matese”. La Consulta delle Associazioni sullo stop alla navigazione dei laghi

431
0
Solidarietà alle Associazioni penalizzate dallo stop alla navigazione delle acque dei laghi del Matese giunge dalla Consulta del Matese (pagina facebook), l’associazione che raccoglie ben 70 gruppi (versante campano e molisano) che ormai da alcuni anni lavorano per la tutela del Parco e per una giusta idea di Parco, pensandolo non come limite ma risorsa e industria…
La riflessione, affidata poche ore fa ad un comunicato è tutta sulla governance del Parco e degli Enti (Comuni, Regione…Ente Parco…) chiamati ad essere ugualmente responsabili del Matese, ma anche ugualmente competenti.
(Sulla vicenda del fermo alle attività di navigazione, clicca qui).
Comunicato – La situazione di blocco di alcune attività sportive sostenibili sui laghi del Matese è la chiara manifestazione dell’assenza di una governance del Parco Regionale del Matese: un Presidente da solo, chiunque egli sia, non può fare molto senza il supporto di una struttura organizzativa e gestionale.

La mancanza di questa struttura è stata un’enorme penalizzazione per l’operatività del Parco ed una grave responsabilità della Regione Campania. Questo immobilismo ha dato spesso la percezione all’opinione pubblica (talvolta anche a quella favorevole alla loro presenza) che le “Aree Protette” siano un “vincolo” ed un impedimento allo svolgimento di ogni cosa.

Le Associazioni che dialogano su questo argomento sanno benissimo che questo è dovuto ad incapacità gestionali di questi Enti, dovute essenzialmente alla mancanza di figure tecniche e soprattutto qualificate. Di fatto molte Associazioni che fanno parte della “Consulta del Matese”, oltre quelle che praticano sport e cultura in acqua, subiscono direttamente ed indirettamente questa “limitazione” al vivere in modo assolutamente adeguato al principio delle Aree Protette ed in modo esemplarmente sostenibile. Inoltre queste associazioni, presidiando queste zone di pregio e tutelandole in modo attivo, sono delle vere e proprie “sentinelle”.
La “Consulta del Matese”, con le oltre 70 Associazioni che la compongono, esprime la solidarietà nei confronti di queste organizzazioni affiliate che in ogni stagione dell’anno evidenziano in modo vivo e dinamico le Bellezze e la Cultura del Matese.
Ma la Consulta vuole essere, ancora una volta, di impulso verso la politica regionale (per ora campana ma anche molisana quando occorrerà) per partire seriamente con la considerazione della RISORSA PARCHI NATURALI (siano essi regionali che nazionali). Non come oggetto da mettere in vetrina per attrarre ed usufruirne in modo anarchico ma per permettere agli “indigeni” del Matese di usufruire del “bene naturale” che è l’UNICA industria e risorsa per vivere e rimanere a presidiarlo.
Le Associazioni, in sinergia, hanno più volte sottoposto agli Enti preposti, idee e proposte di regolamenti e condizioni di fruizione al fine di regolamentare le attività sul territorio nel rispetto della sua tutela e corretta fruizione. La Consulta del Matese e le Associazioni facenti parte, ognuna per le proprie competenze e cultura specifica, resteranno sempre disponibili a dialogare, collaborare e proporre cose fattivamente efficaci per lo sviluppo e la tutela del nostro territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.