Home Arte e Cultura Piedimonte Matese, il premio “I Giovani Raccontano” dell’associazione Teleion per i bambini...

Piedimonte Matese, il premio “I Giovani Raccontano” dell’associazione Teleion per i bambini del Congo

La multiculturalità al centro della raccolta letteraria con contributi provenienti anche da altre regioni d'Italia

847
0

Armando Pepe – Annualmente si ripete l’appuntamento con il Premio letterario dell’associazione Teleion, molto attiva nella promozione culturale non solo a Piedimonte Matese, ove ha sede legale, ma in una dimensione sovraregionale, avendo l’ambizione di porsi come soggetto aggregatore di esseri pensanti ed aventi la capacità di offrire un proprio contributo alla riflessione.
Il punto di forza dell’associazione Teleion, presieduta dal professor Antonio Bellone, è il multiculturalismo, il mettere insieme più campi, nella consapevolezza che soltanto la disseminazione possa dare frutti duraturi.

Lo scorso 28 dicembre, online su Skype, si è tenuta la premiazione del Concorso Nazionale “I Giovani Raccontano”, in cui, in ordine decrescente, sono stati premiati: Luce Santato (Lendinara), Ilaria Zappoli (San Potito Sannitico),Giulio Guerino Melillo (Gioia Sannitica), Anastassija Sophia Tortorici (Ribera), Flaminia Sartoni (Roma), Marta Spadaro (Roma), Fabiana Acerra (Napoli), Veronica Federico (Mondragone), Emanuele Rizzi (Fabrosa Sottana).
Come emerge dalla provenienza geografica dei concorrenti, il premio va oltre i ristretti limiti locali ed ha una proiezione nazionale. L’antologia, che è in vendita nella libreria Mondadori di Piedimonte Matese, contiene articoli anche di varia natura (storia, arte e letteratura) scritti da: Gianfranco Mazzeo, Armando Pepe, Geppino Buonomo, Vittoria Castrillo, Maria Rosaria Francomacaro, Maurizio Esposito, Antonella Di Rienzo, Flora Santangelo, Antonella Caprarelli, Filomena De Francesco, Raffaella Martino, Valeria Guida, Antonio Bellone, Nicola Di Cerbo, Pellegrino Armellino, Gioconda Fappiano, Guido Zompa, Valeria Di Guida, Ranieri Gaetani. I proventi permetteranno di finanziare strutture scolastiche e materiali didattici nella Repubblica Democratica del Congo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.