Home Territorio Piedimonte Matese. Per i soci della Coop. Floriana una battaglia legale che...

Piedimonte Matese. Per i soci della Coop. Floriana una battaglia legale che dura da 40 anni, ora l’appello all’intera Comunità civile locale

Hanno pagato la loro abitazione non una ma più volte, e rischiano di perdere la casa perchè non riconosciuti "proprietari". La querelle giudiziaria che dura da tempo ferisce e mortifica la dignità di numerosi piedimontesi e tradisce il progetto di urbanistica sociale per cui nacque il progetto edilizio di via Casino del Duca

874
0

A Piedimonte Matese torna il “caso Cooperativa Floriana” che vede coinvolti ormai da circa 40 anni i proprietari di 64 alloggi abitativi in una complicata rete burocratica e giuridica tra compravendite, fallimenti ed aste.

Al centro della complessa vicenda ci sono persone (ben 400) con la loro dignità, le loro storie, i figli e le nuove generazioni che sono nate e si ritrovano sulle spalle il peso di errori e di debiti di cui impropriamente si sono dovuti caricare.
È di pochi giorni fa l’ennesima nota dei proprietari (tali sono) delle abitazioni che fanno i conti con un procedimento fallimentare e il rischio di perdere le proprie case.

Parliamo di 64 appartamenti di Edilizia convenzionata costruiti dal Consorzio IREC nel 1975 per una convenzione stipulata tra questo e il Comune di Piedimonte Matese a favore della Coop. Floriana, quest’ultima costituita dai “futuri” assegnatari degli alloggi secondo quanto nel 1975 stabiliva l’art. 35 della legge  n. 865 del 1971: “le aree…destinate alla costruzione di case economiche e popolari sono cedute in proprietà a coop. edilizie ed ai singoli (rectius persone fisiche)“.

Tutto ebbe inizio, nel 1984, con il mancato pagamento di alcune rate di mutuo da parte del Consorzio mentre i soci della Coop. Floriana versavano regolarmente a questo. Di qui l’Ente mutuante – Cariplo – avviò un procedimento esecutivo e la drastica decisione, da parte dei soci della Cooperativa di coprire le spese mancanti seppur da parte loro ogni versamento era stato eseguito secondo norme e scadenze. Atto coraggioso che determinò da parte di Cariplo la rinuncia agli atti esecutivi.

Il dramma nel dramma: la cancellazione del pignoramento nei registri immobiliari non avvenne.
È stato il fallimento del Consorzio IREC a sollevare nuovamente il problema a danno dei proprietari.

“Successivamente, una volta fallita l’IREC ed instauratasi la procedura fallimentare – si legge nella memoria a firma dei soci della Coopartiva Floriana – il Curatore fallimentare ritrovando il pignoramento nei registri immobiliari si è surrogato al creditore precedente, portandoci a quello che oggi si paventa come il rischio di perdere le nostre abitazioni.

In sede giudiziaria con sentenza n.700/2017 della Corte di Appello di Napoli, a causa dell’erronea attribuzione del diritto di superficie da parte del Comune di Piedimonte Matese al Consorzio, i proprietari degli alloggi (oggi “detentori”) sono stati dichiarati “SOGGETTI NON LEGGITTIMATI” a presentare opposizione al procedimento esecutivo del 1984, e pertanto esclusi a prescindere dal poter presentare qualsiasi opposizione. Il già menzionato procedimento purtroppo lo scorso dicembre 2020 è stato dichiarato estinto senza assenso alla cancellazione del pignoramento e quindi con la possibilità per la Curatela Fallimentare di venderli all’asta” (leggi il documento integrale).

Cosa chiedono i proprietari, quelli che secondo le sentenze giudiziarie non sono proprietari?

“NOI ABBIAMO PAGATO TUTTO E SIAMO LE UNICHE VITTIME DI QUESTA VICENDA, adesso è ora che tutti si prendano le proprie responsabilità, Comune compreso, che al netto degli errori commessi non può permettersi di lasciare e lasciarsi privare di un intero complesso immobiliare di edilizia “sociale”, realizzato sul terreno espropriato dal comune mediante l’utilizzo dei soldi di tutti i cittadini di Piedimonte Matese”.

Il rischio è che la finalità pubblica e sociale di tale progetto supporti finalità privatistiche che sottrarrebbero ai proprietari anche il sogno di aver vissuto, lavorato, faticato per questa casa, ma invano. E sarebbe un torto, e sarebbe ferire la dignità e il futuro di numerose famiglie di questa terra.

> Scarica la lettera-appello della Cooperativa Floriana

Su Clarus, nel 2019…

Piedimonte Matese. Cooperativa Floriana, verso la risoluzione?

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.