Home Territorio Caiazzo. Da ottobre il numero dei positivi non accenna a diminuire. Ieri...

Caiazzo. Da ottobre il numero dei positivi non accenna a diminuire. Ieri sera erano 42, “procede con lentezza la negativizzazione”

"Situazione sotto controllo ma i nostri cittadini si negativizzano con troppa lentezza. Da ottobre il numero dei casi non accenna a diminuire". Le parole del sindaco Stefano Giaquinto

820
0

A Caiazzo il numero dei casi positivi al Covid non accenna a diminuire. Anomalia che perdura rispetto ai comuni limitrofi o rispetto ai centri maggiori che gravitano sull’area matesina.
A fronte dei 5300 abitanti circa, ieri il sindaco Stefano Giaquinto, nell’aggiornamento quotidiano della situazione epidemiologica ha fatto sapere che i positivi in città erano 42 per un totale di 152 dall’inizio dell’epidemia. Situazione sotto controllo, ma che desta sorpresa quanto attenzione: “Tutto ha avuto inizio con quei pochi casi registrati nelle scuole e che da ottobre-novembre non riusciamo a superare”, ha spiegato il Primo cittadino.
“Si tratta di casi circoscritti a precisi nuclei familiari con cui siamo in contatto quasi quotidianamente per venire incontro ad ogni emergenza, soprattutto sanitaria, seppur le condizioni di tutti loro non fanno ipotizzare serie compromissioni per la salute”.

giaquintoA tenere alto il numero dei contagi non è al momento la trasmissione del virus ma la lentezza con cui le parsone affette da Covid riescono a negativizzarsi: “Molti di loro  – continua Giaquinto – sono in casa da circa 50 giorni seppur i protocolli dell’Asl consentono dopo il ventunesimo giorno di positività di poter uscire e avere contatti. Diversamente, come Amministrazione stiamo spingendo perché prevalga la linea della prudenza e della responsabilità al fine di evitare ulteriori contagi”.

Accertata la causa dei primi contagi autunnali con la presenza degli alunni nelle aule scolastiche, tra i motivi che potrebbero aver favorito la rapidità e la diffusione del contagio non si escludono altre occasioni di contatto sociale: Caiazzo – seppur in zona rossa come tutta la Campania – fa fronte ad un vivace flusso di presenze sia per essere sulla direttrice che collega il casertano all’area matesina, sia per la presenza di due Banche e due supermercati che convogliano dal circondario numerosa clientela, per la presenza di un ufficio postale e gli Uffici dell’Asl territoriale dove seppur il rispetto delle norme anticontagio sia severissimo affluiscono numerose presenze.

A far da scudo alla possibile degenerazione di tale situazione, resta la responsabilità personale e il senso civico di ognuno; da parte delle autorità locali – Comune, Polizia Municipale, Carabinieri – la disponibilità ad intervenire per le esigenze di ogni famiglia, come conferma la collaborazione offerta da numerose attività commerciali del posto che hanno garantito e stanno garantendo assistenza domiciliare per beni di prima necessità come cibi e farmaci.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.