Home Territorio Lago Matese, presto un accesso facile per i disabili. C’è l’intesa tra...

Lago Matese, presto un accesso facile per i disabili. C’è l’intesa tra il Parco regionale, la Fish Campania e il comune di Castello del Matese

Il presidente del Parco Vincenzo Girfatti, il presidente di Fish Campania Daniele Romano e il sindaco di Castello Antonio Montone già da qualche settimana mettono a punto il piano per favorire la presenza dei disabili sul lago Matese

974
0
Foto internet

Presto un accesso facile al lago Matese anche per i disabili.
Progetto che nasce dal confronto tra il Parco del Matese, la FISH Campania (Federazione Italiana Superamento Handicapp) e il comune di Castello del Matese: l’obiettivo è quello di un lavoro corale sul tema di un turismo a portata di tutti, un turismo che sia diritto per tutti.
Ieri il primo sopralluogo a Miralago da parte di Vincenzo Girfatti, presidente dell’Ente Parco, di Daniele Romano e Maria Venditti rispettivamente presidente e vicepresidente Fish Campania (Venditti è anche consigliere comunale a Telese Terme), Salvatore Montone sindaco di Castello e l’assessore comunale Giovanni Giuliani.
Le parti interessate firmeranno un protocollo d’intesa in cui ognuno si impegnerà a garantire servizi, tutela dei luoghi e degli accessi riservati ai disabili e di conseguenza controllo delle aree incluse nel Progetto perché la vivibilità della natura e del suo suggestivo paesaggio sia veramente a portata di tutti e anche nel Matese si realizzi lentamente, come ormai conquistato in altri centri italiani, il traguardo della fruibilità dei servizi.
La Fish guarda con estrema positività a questo possibile risultato sperando di coinvolgere nell’esperienza dei disabili sul Matese anche le associazioni che in maniera ormai duratura e affidabile si occupano di accoglienza, escursioni, servizi…e che da tempo sono sentinelle della salute e della tutela di questi luoghi.
Insieme è possibile offrire ancora migliori opportunità di vivibilità dei nostri luoghi, ma anche occasioni per educare al rispetto di essi.
In questa prospettiva è proprio dalle associazioni ambientaliste, sportive e culturali locali che si alza costantemente l’appello ai Comuni in cui ricade il territorio del Lago Matese  cioè San Gregorio Matese, Castello del Matese e Piedimonte Matese (quest’ultimo coinvolto per il sito turistico di Bocca della Selva) ad un maggior sostegno; alla Politica e allo stesso Parco del Matese è di fatto richiesto il controllo assiduo delle aree per garantire la tutela dell’ambiente: il problema dell’abbandono indiscriminato di rifiuti tutto l’anno anche nei boschi e la sosta delle auto fin sulle sponde del lago nei week end di massima affluenza turistica appare ancora fuori controllo.

L’accesso comodo e sicuro per i disabili, in particolare quelli con difficoltà a deambulare, potrebbe diventare motivo di rinnovata e corale programmazione dei servizi ma soprattutto delle prospettive: verso quale futuro corre il Parco del Matese?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.