Home Eventi San Potito Sannitico. “Lo zingarello della transumanza”, Palazzo Ranieri ospita il libro...

San Potito Sannitico. “Lo zingarello della transumanza”, Palazzo Ranieri ospita il libro e il cortometraggio

Autrice del libro e regista del cortometraggio è la scrittrice e giornalista Roberta Muzio. Già vincitrice del Premio letterario nazionale Festival dell'Erranza 2020, la storia sarà presentata venerdì 24 settembre alle 17.30

841
0
Transumanza dai monti del Matese a valle (Foto Antonio Del Giudice 19 ottobre 2019)

Venerdì 24 settembre alle 17.30, presso Palazzo Ranieri a San Potito Sannitico, verrà presentato Lo zingarello della transumanza, la novella composta da Roberta Muzio, scrittrice e giornalista firma de Il Mattino. L’evento è promosso dal Parco Regionale del Matese con la collaborazione del Piccolo Museo “Occhi a candela” di Frosolone, provincia di Isernia, uno spazio etnografico ispirato alle storie raccontate nei libri di Roberta Muzio e che ha sede nel centro storico di Frosolone. Nella località molisana, estrema propaggine del massiccio del Matese, viene ancora praticata laa transumanza e lì sono state girate molte scene del cortometraggio.

Vincitrice del Premio letterario nazionale Festival dell’Erranza 2020 di Piedimonte Matese, la storia di un bambino con la sua famiglia nomade lungo i tratturi tra la Puglia e il Matese, è basata su un fatto realmente accaduto. Una vicenda tramandata attraverso la memoria orale trascritta in un libro, edito da Lampo, che costituisce il primo numero della collanaI quaderni per il tè del pomeriggio” di Occhi a candela, ovvero la saga dei Pental, la storia di una famiglia italiana tra ‘800 e ‘900 partorita dalla penna dell’autrice e già disponibile in due volumi pubblicati nel 2019 e nel 2020.

Il quaderno “Lo zingarello della transumanza” ricalca i canoni delle piccole pubblicazioni dell’Ottocento ed è arricchito da foto d’epoca, dai disegni dell’autrice e da antiche ricette delle nonne. In occasione della presentazione presso la sede del Parco Regionale del Matese sarà proiettato anche l’omonimo cortometraggio del quale Muzio ha curato la regia. Hanno collaborato alla realizzazione: l’attore Vittorio Del Cioppo, voce narrante; gli interpreti Silvio Prezioso, Nicola Fraraccio, Antonella Muzio, Carmine Tedeschi, Gianna de Marinis, il piccolo Claudio Meffe nel ruolo dello zingarello Salvatore; Pino Santagata ha curato il montaggio.

Dopo i saluti del presidente del Parco, Vincenzo Girfatti, dialogherà con l’autrice la giornalista Adele Consola. Le musiche saranno eseguite dal fisarmonicista Michelangelo Vallillo. “Siamo lieti di ospitare quest’evento, – ha precisato il presidente del Parco Regionale del Matese Vincenzo Girfatti – soprattutto perché il Matese è legato indissolubilmente alla pastorizia. Grazie a chi continua a mantenere viva la fiamma delle nostre radici”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.