Home Scuola Alife / Sant’Angelo d’Alife. A scuola per educarci alla parità di genere...

Alife / Sant’Angelo d’Alife. A scuola per educarci alla parità di genere e all’uso consapevole dei social

L'esperienza dei ragazzi dell'Istituto comprensivo di Alife passa attraverso il confronto e il gioco: lettura della realtà e soluzioni possibili per vivere in sicurezza l'uso dei social e affermare la parità di genere. Il Telefono Azzurro rilancia un elaborato della III A di Sant'Angelo d'Alife

817
0

Nell’ambito delle attività curate dalle Équipe formative territoriali per l’anno scolastico 2021-2022, a partire dal mese di dicembre ha preso il via presso l’Istituto Autonomo Comprensivo di Alife guidato dalla Diigente Angela Faraone, il progetto InnovaMenti, un’iniziativa nazionale per la diffusione delle metodologie didattiche innovative. InnovaMenti intende promuovere il loro utilizzo attraverso brevi esperienze di apprendimento, indicate come sfide (dei veri e propri giochi-laboratorio) quali Gamification, Inquiry, Based Learning (IBL), Storytelling, Tinkering e Hackathon, proponendo ai docenti interessati delle scuole dell’infanzia, primaria, secondaria e dei centri per l’educazione degli adulti, uno o più percorsi di sperimentazione in classe. In coerenza con il tema dell’innovazione metodologica, è stata programmata e realizzata nell’IAC di Alife, e nello specifico, dalla classe III A del plesso scolastico di Sant’Angelo d’Alife, seguiti dalla prof.ssa Antonella Riccio, un Escape Room. Un progetto educativo- significativo con l’obiettivo di contribuire a sensibilizzare ed educare alla parità di genere, un tema attuale e delicato.

L’attività e la Peer education (condivisione di valori, soluzioni, di stati d’animo…) ha permesso di valorizzare le risorse, le abilità ed accettare la sfida di acquisirne altre. Gli alunni si sono “sintonizzati” e “sbilanciati” per applicare la metodologia proposta e renderla condivisibile sui social. L’elemento motivazionale è stato il tassello fondamentale che ha suscitato, negli alunni, le scintille della curiosità e della creatività, un elisir in questo periodo storico caratterizzato dal “distanziamento”. La loro risposta è stata “non distanziAMOci ma ascoltiAMOci”. Inoltre, la dimensione ludica ha permesso loro di strutturare la Gamification – la sfida in cui si sono immersi – renderla accessibile e fruibile a tutti, in un’ottica inclusiva e di capire il vero significato dell’uso consapevole del digitale e della rete per dire all’unisono “connettiAMOci ma regoliAMOci”.

Dopo la prima fase di progettazione, il tassello, forse più importante è stata la condivisione. Qual è stato l’obiettivo? Il contagio emotivo di tutti coloro che accettano la sfida e provano a risolvere l’Escape Room acquisendo maggiore consapevolezza sui fenomeni connessi all’utilizzo di Internet. La sfida didattica è riuscita con il conseguimento di badge simbolici ai partecipanti e con l’importante partecipazione, di solo 7 scuole e l’IC di Alife fra queste, all’evento organizzato da Innovamenti e Telefono Azzurro il giorno 8 febbraio 2022 per il Safer Internet Day, giornata internazionale che la Commissione europea ha istituito con l’obiettivo di promuovere strategie finalizzate a rendere il web un luogo più sicuro per i più giovani.

L’appuntamento ha rappresentato un’occasione importante per avviare un dialogo attivo tra le istituzioni, il mondo associativo e il settore privato a favore del futuro del digitale per le nuove generazioni. Gli alunni Dell’ IAC hanno compreso che “la rete siamo noi, il nostro linguaggio, le nostre scelte, uno spazio dove tutti possono condividere informazioni, esprimersi e agire”. Cosa possiamo fare? Cogliere le potenzialità di molti strumenti, apps o social, promuoverne un uso corretto e non perdere l’opportunità di partecipare a questo cambiamento.

È possibile vedere e fruire dell’Escape Room visibile sul sito o la pagina facebook dell’IAC di Alfe. CLICCA QUI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.