Home Attualità Come raccontare la guerra ai giovani a scuola e a casa

Come raccontare la guerra ai giovani a scuola e a casa

"La guerra in classe", il numero speciale della rivista "Essere a scuola" è scaricabile gratuitamente e contiene strumenti di riflessione e chiavi di lettura per insegnanti, formatori ed educatori

386
0

Raccontare la guerra ai più giovani utilizzando un linguaggio che sia loro consono è possibile e a dimostrarlo è l’iniziativa editoriale rappresentata dal numero speciale della rivista Essere a Scuola, La guerra in classe, fondata e diretta da Pier Cesare Rivoltella, che può essere scaricata gratuitamente. L’idea nasce dalla necessità di avvicinare bambini e ragazzi al fenomeno della guerra che ha sconvolto l’Europa e non solo, cercando di inquadrarlo in una prospettiva stratificata, che comprenda più aspetti: storico, filosofico, psicologico e così via.

Il volume presentato insieme alla Editrice Morcelliana fornisce un sussidio molto utile per gli insegnanti, gli educatori e i formatori i quali oggi si trovano a presentare agli studenti una “nuova emergenza”, dopo quella della pandemia dalla quale tra l’altro non siamo ancora usciti, ma più brutale e tutt’altro che lontana da noi. Uno strumento valido dal punto di vista pedagogico per permettere ai giovani di confrontarsi con gli eventi, nudi e crudi, ma prestando attenzione alle differenti sensibilità, realizzato grazie al contributo di specialisti nell’ambito della formazione, così come era accaduto per i volumi sulla pandemia, La scuola a casa (marzo 2020) e La scuola a casa. Un anno dopo (aprile 2021).

Per scaricare la rivista clicca qui

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.