Home Arte e Cultura Anna e Mirella Zulla, talento che vale una Palma d’Oro a Montecarlo....

Anna e Mirella Zulla, talento che vale una Palma d’Oro a Montecarlo. Ancora premi e riconoscimenti per le artiste matesine

A luglio la partecipazione al “Gran Premio Eccellenze dell’Arte Italiana 2022”; a settembre nuovi appuntamenti internazionali: il primo a Maratea per la finale di "Miss Grand International Italy", il secondo a Montecarlo per il "Trofeo Palma d'Oro per le Arti Visive 2022"

899
0

È un susseguirsi di riconoscimenti per le artiste matesine Anna e Mirella Zulla, le sorelle di Piedimonte Matese, pittrici affermate in ambito internazionale e non più soltanto per le creazioni artistiche su tela, ma anche per un singolare brand AZM Author Creations, che si propone di estendere la loro arte nel campo della Moda e dell’Interior Design: abbiamo visto abiti realizzati con i motivi delle loro pitture e più di recente originali lampade, quest’ultimo lavoro frutto di una proficua collaborazione con l’artista Patrizio Arrighi e l’azienda toscana Tileelit.

Foto Facebook

Diverse le destinazioni che le vedranno protagoniste nei prossimi mesi dove porteranno la loro arte ma anche valori: è il caso del contesto di pace e di bellezza, di talenti artistici in programma a Maratea dal 14 al 18 settembre dove si terrà la finale di Miss Grand International Italy, il concorso internazionale di bellezza con edizioni in tutto il mondo ispirato ai temi della pace (il motto di questa manifestazione è infatti “Stop War and violence”); qui oltre a far parte della giuria, premieranno una delle ragazze che rappresenterà l’Italia nella finale mondiale con una fascia che riproduce i motivi artistici delle loro opere d’arte. Sarà una vetrina importante sia per i contatti sia per la visibilità che le opere di Anna e Mirella riceveranno in quella occasione e nella promozione che gli organizzatori dell’evento cureranno anche nei mesi a seguire.

Il 24 settembre invece tappa a Montecarlo (Principato di Monaco) per la biennale curata da ArtExpo Gallery che assegna il Trofeo La Palma d’Oro per le Arti Visive 2022 dove entrambe sono state selezionate per ritirare il premio.

Sia Anna che Mirella vedono riconosciute le loro capacità artistiche, l’originalità di lavori che vivono di ariosità e colori, il tutto comunicato all’osservatore da un tratto istintivo ben riconoscibile. “L’unicità è il merito che mi viene riconosciuto”, spiega Anna a Clarus. “La critica conferma la riconoscibilità del mio tratto istintivo, la possibilità di individuare la mia arte tra tante opere e identificarne l’origine”. Si dice sorpresa per i continui attestati di stima e per l’apprezzamento crescente che dopo trent’anni di carriera artistica oggi si rinnova e diventa oggetto di attenzione. “Mai mi sarei aspettata tutto questo; non avrei immaginato di poter comunicare con la mia arte in maniera così empatica”. Il merito di questo successo Anna lo attribuisce alla forma “istintiva” delle sue pennellate, al grido interiore che prende forma sulla tela senza interruzione finchè l’opera non è compiuta, “anche se attraverso periodo di ispirazione minore, che vivo con molta serenità, come normale tempo della mia vita, quando parte il messaggio interiore devo trascriverlo con i colori e il pennello finchè non ho terminato”. Ne parla con entusiasmo, come se ella stessa scoprisse meravigliata un universo interiore che le si rivela di volta in volta e che mette a disposizione dell’osservatore.

Questo è il futuro, e sono i prossimi mesi di impegni; è il sequel naturale di episodi che onorano il loro impegno di donne e di artiste: l’ultimo già ritirato, conferito ad Anna Zulla è stato nella manifestazione “Gran Premio Eccellenze dell’Arte Italiana 2022”  che si è tenuta all’Hotel Plaza di Sorrento lo scorso 29 e 30 luglio. A promuovere l’evento la New Accademia Internazionale dei Dioscuri, fondata e diretta dal compianto Prof. Giuseppe Russo ed attualmente presieduta dalla Prof.ssa Mimma Lodevole, con sede centrale a Taranto e con quattro delegazioni a Roma, Atene, Toronto e Melbourne per la promozione e divulgazione dell’arte e della cultura italiane all’estero. A conferire il riconoscimento all’artista matesina l’ex campione olimpionico di canottaggio, Giuseppe D Capua, celebre timoniere dei fratelli Abbagnale. La Zulla oltre ad essere presente con due litografie ha esposto anche le opere del brand AZM Author Creations che realizza insieme alla sorella Mirella.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.