Home Chiesa e Diocesi Contro il bullismo “azione congiunta di parrocchie, scuola, associazioni”. Il vescovo Cirulli...

Contro il bullismo “azione congiunta di parrocchie, scuola, associazioni”. Il vescovo Cirulli incontra una giovane vittima

Alfredo, adolescente, è stato vittima del branco. L'episodio è accaduto sabato scorso a Teano. Mons. Cirulli alla società: "educhiamo insieme al valore della vita" e invoca l'azione congiunta di ogni agenzia educativa

301
0

“È urgente e non più prorogabile l’impegno comune delle Istituzioni contro il dilagante fenomeno del bullismo e ogni manifestazione violenta perpetrata dai giovanissimi delle nostre comunità”, le parole di Mons. Giacomo Cirulli, vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo all’indomani dell’episodio che ha coinvolto quale giovane vittima Alfredo, minorenne, picchiato e ferito da un gruppo di giovani coetanei, sabato scorso nel territorio di Teano.
Dopo l’aggressione la corsa al Pronto soccorso per accertare le condizioni di salute del ragazzo ferito e visibilmente provato dall’episodio che – come riferiscono i familiari – ha subito stato l’epilogo di una serie di atti di bullismo già manifestati. Immediata la condanna di quanti hanno saputo dell’accaduto; stessa posizione anche da parte del Vescovo che – oltre alle parole spese per l’accaduto – ha voluto incontrare personalmente Alfredo e la sua famiglia esprimendo vicinanza e affetto per lenire la ferita profonda di questo episodio.

Appello di Mons. Cirulli alle famiglie dei ragazzi protagonisti dell’aggressione “perché spronino i loro figli ad assumersi la responsabilità di questo gesto scelerato e impulsivo; perché mettano in atto ogni strategia possibile affinché questi loro figli non si rendano più autori di queste azioni, anche chiedendo aiuto e collaborazione perché l’educazione dei più piccoli e degli adolescenti passa sempre dall’azione congiunta di forze educanti. Scuola, parrocchie, associazioni, movimenti e ogni agenzia educativa – dal mondo dello sport a quello della cultura – dobbiamo lavorare per accompagnare il cammino di crescita dei nostri ragazzi promuovendo le relazioni, il valore della vita su cui troppe volte si riversano rabbia e malcontento, espressione di un disagio sociale, affettivo, relazionale che in fase di crescita necessita di accompagnatori ed educatori maturi. Siamo vicini a tutti i nostri ragazzi! Ascoltiamoli, non temiamo di manifestare loro tenerezza, ascolto e accoglienza per educare ad altrettanto stile di vita”.

Parole, quelle del Pastore, che esprimono consapevolezza per il dilagare di fenomeni violenti difficili da controllare o da scorgere prima che siano sfociati nella loro manifestazione peggiore, come nel caso di Alfredo o nel caso dei piccoli e ripetuti atti vandalici continuamente perpetrati a danni di cose e luoghi pubblici: è sotto gli occhi di tutti il male riversato sull’ambiente (prati, aiuole, spazi verdi) e sui beni privati (auto, soglie di abitazioni) per mano di bande di ragazzi che nelle ore serali assediano angoli seminascosti di città e paesi lasciando il segno di un passaggio e una firma pesanti: bottiglie di alcolici abbandonate ovunque, auto colpite con corpi contundenti, vasi e fioriere divelti, immondizia depositata davanti alle abitazioni private, fontane pubbliche intasate di rifiuti, pneumatici forati. Accade ovunque e l’alto casertano non è da meno come confermano le denunce di cittadini e ripetutamente segnalato tramite social durante il periodo estivo quando le uscite serali dei più giovani si moltiplicano e prolungano fino a notte fonda. È il grido di chi non sa farsi ascoltare in altro modo? È il solo linguaggio di cui sono capaci i nostri ragazzi? È la sola esperienza che hanno visto in altri? O forse, senza saperlo neppure chiedere od esprimere, sono in attesa di testimonianze forti e controcorrente, esempi di stili gentili e civili? E poi il fenomeno della violenza verbale, quella che attraverso le chat si afferma con altrettanta famelica sete di consensi dove la vittima (in Italia i fatti di cronaca lo confermano con i suicidi che occasionalmente si registrano) porta a compimento la sua triste esecuzione soccombendo al gruppo.

“Fronte comune contro la violenza e fattivi costruttori di una civiltà dell’amore” conclude il suo commento il Vescovo Cirulli con il cuore e lo sguardo teso sulle sue famiglie diocesane, pronto a tornare con altrettanta riflessione davanti alle comunità di fedeli.

(La foto del vescovo Mons. Cirulli e del giovane Alfredo è pubblicata su consenso dei familiari. Ne è vietata la riproduzione)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.