Home Chiesa e Diocesi Le Diocesi di Alife-Caiazzo e Teano-Calvi in preghiera per la pace. Appuntamento...

Le Diocesi di Alife-Caiazzo e Teano-Calvi in preghiera per la pace. Appuntamento il 1 novembre

Nella Festa di tutti i Santi, le due Diocesi guidate dal Vescovo mons. Giacomo Cirulli si troveranno nella Concattedrale di Caiazzo per chiedere a Dio il dono della pace. Pochi giorni fa a Roma Papa Francesco ha lanciato l'appello all'Umanità perché non smetta di cercare occasioni di incontro e dialogo

394
0

Le Diocesi di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo si ritroveranno insieme in preghiera nella Concattedrale di Caiazzo il prossimo 1° novembre, alle 20.30, per invocare il dono della Pace nella preghiera presieduta dal vescovo mons. Giacomo Cirulli.
Nel giorno in cui si ricordano tutti i Santi, il Clero di entrambe le Diocesi e i fedeli provenienti dalle diverse comunità parrocchiali, guidate dal loro Pastore, si uniranno per invocare la pace nel mondo, per “rispondere al grido” che, come afferma Papa Francesco, “sale dal cuore delle madri, è scritto sui volti dei profughi, delle famiglie in fuga, dei feriti o dei morenti”. Il momento di spiritualità che coinvolgerà le Diocesi ‘sorelle’ sarà vissuto ancora più intensamente in quanto coincide con l’apertura dell’Anno giubilare che la Chiesa di Alife-Caiazzo celebra in occasione del Millenario della morte di Santo Stefano Menicillo, compatrono diocesano e della città di Caiazzo. (APPROFONDISCI QUI)

 Da Roma, l’appello di Papa Francesco  L’appello alla pace ripetutamente lanciato da Papa Francesco diventa sempre più fragoroso, alla luce di una contemporaneità gravemente appesantita dal conflitto in Ucraina, che va ad aggiungersi alle tante altre guerre incombenti in diverse zone del Pianeta. “La pace è un grido che merita di essere ascoltato”, così il Santo Padre durante l’incontro interreligioso per la pace promosso dalla Comunità di Sant’Egidio tenutosi lo scorso 25 ottobre al Colosseo, un grido al quale bisogna rispondere non con l’indifferenza, ma attraverso manifestazioni concrete di solidarietà e fraternità, dal momento che alla guerra nessuno può né deve rassegnarsi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.